Filoritmia - Passaggi
(Filoritmia Music 2009)
I have never heard of this Italian progressive rock band but wow… This is a very impressive package with a deluxe multi sleeve fold out digipack with amazing artwork to go along with each piece of music. You also get all the lyrics in Italian. The most impressive CD package I have seen this year. But it is not just about the art, the band can really play some amazing and dramatic and beautiful music. The first two opening tracks are some of my favourites and also a bit more heavy. L’Uomo che Torna is next and an instrumental and quite complex arrangement lead by the keyboards more or less throughout the track. Non e Festa is next and almost 9 minutes with a slightly darker yet melodic theme to start. But it really builds in intensity and reminds me of Goblin. It has a nice acoustic ending as well. Great song. Godo is next and clocks in at 9½ minutes and is quite guitar dominated with a cool rock riff that takes the track along but some nice synth lines also add a bit of psychedelic element. Like all the rest of the song, it also twists and turns and develops and features some nice lead guitar as well. Il Sogno del Fotografo is a very complicated and dynamic track with features piano and nice vocals. The track really takes off at the end. Questo features a heavy metal like guitar and is a bit crazy at times. I like the interplay with the organ and guitar. Cool guitar on this track. Manifesto ends this hour long CD of 8 tracks and is 10 minutes long and has many different passages and themes. Again, another great song. Fans of PFM, Goblin, and other 70’s Italian prog bands will like this very much. Amazing CD. I can’t wait to hear the next one.
 
Filortimia - Filoritmia
This band is one of the many good new RPI bands which has emerged in the last decade. Style wise, they are more heavy than the more softer bands from this genre. Biglietto Per Inferno springs to mind of those old RPI bands which can be compared to Filoritmia. There is plenty of good RPI feeling on this, Filoritmia's debut album. This album also have some influences from the more contemporary rock scene too. But mostly, this is RPI.

Quality wise, I am not very impressed although this album is good. The tracks tends to be a bit anonymous and does not have any great melodies. But this album really livens up now and then. This album is sufficient interesting though to warrant a recommendation. I believe it is a free download too from their website or a budget price album. Good, but not great.
 
Filoritmia - 2009 - "Passaggi"

Prolusion. FILORITMIA were founded in Milan in September 1993, but it was only in 1997 that the band found their ideal lineup, when Roberto Riccardi (guitars) and Matteo Scarparo (bass) joined the historical core formed by Angelo D'Ariano (keyboards), Antonio Mazzucchelli (drums) and Giorgio Mele (vocals). The band alternated live performances to periods dedicated to composition; then, in September 2000, their self-titled debut album, completely self-produced, was released. In 2009 came the band’s second album, “Passaggi”, whose eight tracks had been composed in 2002-2006, and recorded in 2006-2007. In the months prior to its CD release in the month of April, the whole album was made available for free download on their website, one track at a time.

Analysis. In spite of all those people who see the Internet as the No-1 enemy of music (mainly on account of the illegal downloading phenomenon), Filoritmia have embraced it enthusiastically, and used it to their best advantage. A proudly self-reliant outfit that has been around for over ten years, they devote as much attention to the presentation of their musical product as any high-profile band (if not even more so), with the intent of offering a complete artistic experience to their listeners – much in the way of the classic prog bands, even if taking full advantage of 21st-century technology. While struggling against the odds of a music scene that seems to reward style rather than substance, Filoritmia manage to keep an obviously passionate attitude towards music-making, and the painstaking care they take in the presentation of their musical product bears this out. “Passaggi”’s elaborate foldout sleeve cannot but remind the older generations of the wonderful tactile and visual quality possessed by most Seventies albums. Moreover, their lush yet powerful sound, while firmly rooted in the golden era of progressive rock, is nevertheless imbued with a sense of exquisitely modern freshness. Compositionally focused and instrumentally tight, the music showcased on “Passaggi” feels densely woven, never flagging, keeping up a sense of urgency that is supported by each individual performance. As a listener, I set great store by an album’s opening track, and Filoritmia do not disappoint in this respect. Colla E Gesso takes no prisoners, a hard-hitting cavalcade flush with gritty vocals and raging Hammond organ, blending Deep Purple, Black Sabbath and vintage Italian prog with plenty of contemporary flavour in a truly heady mixture. Though the Hammond’s soulful growl might be seen as the album’s trademark, all the instruments are equally essential for the end result. Filoritmia’s real ace in the hole, however, are Giorgio Mele’s powerhouse vocals. The band’s music is the kind that needs to be handled by a strong set of pipes, and Mele delivers in spades, his voice rugged and melodic at the same time, capable of tackling barnstormers such as the above-mentioned Colla E Gesso, or the equally intense Godo, and more melodic, subdued moments like the first half of Senza Sale and L’Uomo Che Torna. The driving energy of the keyboards (not just the Hammond, but also piano and synths) is bolstered by Roberto Riccardi’s brilliant guitar work, always at the service of the compositions rather than the other way around. From a structural point of view, “Passaggi” comes across as such a solid effort that it is not easy to pick out any track for analysis, with hardly any single item that actually sounds ‘weaker’ than the rest. The almost-instrumental Non E’ Festa – a tribute to one of the most influential and revered Italian prog bands, PFM, and their iconic E’ Festa (known in the English-speaking world as Celebration) – is the only number that might be construed as filler. Though not as memorable as the other items, it nonetheless manages to capture the listener’s attention with its upbeat keyboards and brief vocal section. None of the other songs (whose running times range from 7 to 10 minutes) feels overlong or padded, the music often positively riveting, brimming with melody, power and emotion, and often building up to a crescendo – as is the case of L’Uomo Che Torna and the dramatic tour-de-force of album closer Manifesto. Though Deep Purple might appear as the single most relevant influence, the album is also unmistakeably Italian, and not only on account of the excellent, thought-provoking lyrics. Other, unexpected sources of inspiration also crop up, such as the Eighties King Crimson vibe surfacing in the jagged guitar licks and drumming patterns of Il Sogno Del Fotografo. Like the best vintage Italian prog, “Passaggi” is invigorating and ultimately uplifting, its Seventies feel enhanced and updated by thoroughly modern production values. If Filoritmia were based in an English-speaking country, they would probably be hailed as the next big thing in the prog world. Indeed, their reinterpretation of the classic heavy prog sound of the Seventies is far more effective than the overrated efforts of bands like Bigelf. With sterling technical chops paralleled by a high emotional quotient, the band have the potential to grow into an act to be reckoned with.

Conclusion. A surprisingly mature, multi-faceted album, “Passaggi” will equally appeal to lovers of classic heavy progressive rock in the Deep Purple/Uriah Heep/Atomic Rooster mould, and to the ever-increasing contingent of Italian prog fans. Successfully reconciling vintage sounds with more contemporary sensibilities, Filoritmia would deserve a lot more exposure outside their native Italy – provided they do not keep us waiting another nine years for their next album.

 
Filoritmia - Filoritmia 16 commenti
I am quite charmed when I listen to the opening number "Al Buio". It is a strong song that features some delicacy; but it is combined with very powerful passages as well. Dramatic vocals, theme changes, heavy guitar and wild parts are the mix. Add some heavy organ and you'll get the whole picture. Amazing! The heavy feel is consolidated during "Rapporto Occasionale" which offers a complex rhythm and a solid beat. Musicianship is excellent and vocals pretty decent, even if nothing from the other world.

It is true to say that the band is leaning on the heavy angle; not as much as "Wicked Minds" but not too far either. The next song is also in line: some sort of similarities with "Black Widow" are noticeable (mostly in the mood of the song): dark, heavy and at times scary. Another very good song from this very good work so far.

Even if the global sound is quite similar, this work is quite varied: some great guitar solo while "Fiato Sul Collo" is being played adds another great layer to their debut album. It is also true to say that I quite like this style of music (heavy prog, I mean).

Wildness is going on here with another fine rocking moment: "Dirti Di No" is such a piece featuring a symphonic opening (for a short while), off-beat rhythm, moving guitar and pumping organ to conclude. As you can read, this is quite a solid mix!

Most of the songs are on the long side (which makes this album pretty long, but with no consequences about the quality). One of the longest is "Questo Inferno": it embraces again the "Black Widow" mood which I like so much. Dark, heavy, skilled. In one word: great.

To be honest, these seventy-three minutes of music are quite enjoyable, and I didn't see the time passing by while listening to this album for the first time (which is a good sign). Of course, not all songs are great ("La Mappa Del Tempo") but as a whole, this debut is quite encouraging. After this, the band will enter in some sort of hiatus (eight years) before releasing their follow-up.

Four stars for this one, that closes on the bombastic "Epoca Lontana" which leans towards the jazzy atmosphere and provides some break of style. It starts with an oppressive instrumental opening, some frenetic beats and juicy maestria (drumming, piano).

This Italian band deserves your attention. Be aware though that the music that you will discover is more heavy oriented than ISP.
 
Interview with Filoritmia

Filoritmia is one of the new bands who has taken up the legacy left by the likes of Le Orme, PFM and Banco. Filoritmia is perhaps not a household name. But they have so far released two albums and both of them are well worth checking out.

I caught up with the band for an update.

 

What are you up to these days?

We're promoting our last CD and playing live whenever possible in Italy around Milan where we all live. 

 

How is life in Italy these days?

Wonderful as always. To live in Milan gives you many advantages. It's a lively city where people who appreciate culture and arts have many options to chose among. Unfortunately, the biggest lack is in music. The chances seems to be less and less. Mass market logic seems to be the only rule. Please tell us more about your background.

 

Who was your musical inspirations?

We all come from a rock background. But inspirations are many. Toni, the drummer used to play metal. Giorgio and Matteo (voice and bass guitar) tend to be closer to psychedelic tradition, Roberto (the guitarist) likes very much the Beatles and jazz and fusion, Angelo (Keyboard) is a 70's rocker and he likes as well fusion. All of us are very much interested in prog and we're definitely prog-fun, but we're well aware that rock-progressive universe is far too large to, be considered a specific music genre. Basically we all love PFM, Area, King Crimson and Genesis. Marillion is another band we definitely like......... and we can't forget Dream Theatre.

 

When did you start up Filoritmia, with whom and what does that name means?

The band was founded in 1993 by three of us: Angelo, Antonio and Giorgio. Then, in 1997, after Roberto and Matteo joined the band, the project concretely started with new songs and many live shows. Filoritmia is actually a composition of two words meaning love “filos” and rhythm. So very simple: “Love for rhythm” or “Rhythm lovers”, as you like most.

Both your albums are self-released. Please tell us why you went down that route and the pro/cons of doing everything yourself ?

That's true. It's a choice we're very proud of. It allows you to be independent from all points of view. No market conditioning, no economic pressure. You propose your music for what it is and not for what mass consumers think it should be. And, it's not easy. It requires time, investments and you don't really gain many sympathies among producers, of course.... any how, once they understand you make things properly, they start respecting you and nice collaborations can start for sales and distribution as well. Most of the self-promotion is carried out through our website,  www.filoritmia.it

 

Please tell us more about your debut album Filoritmia from 2000.

It recollects 10 tracks we wrote in 3 years time afer a very intense season of live shows in Northern Italy. We like to think we were already in the forefront of self-production and self-promotion. We soon released all the tracks in our website for free download. And that was much appreciated by many rock lovers from all over the world. One of the pros of being self-produced and promoted is that each contact you get on the web is really a satisfaction piece, especially when it comes from Japan, Brazil or Indonesia.

 

There was a nine years gap between your debut album and your second album. What happened?

Yes. That's true. We simply found out that it was time to take a break. We felt that we no longer were seeing our project the same way. Each of us needed to make different experience. This was in 2003. Three of us, Angelo, Matteo and Roberto, joined again in 2005. Antonio and Giorgio a year later. We soon started to work on the new Filoritmia project which would call Passaggi.

 

Please tell us more about your second album Passaggi from 2009.

Passaggi is the result of a three-year work. We wanted to create a multi-suite album with different tones and atmospheres. Passaggi is composed of eight stories. Each one is rather autonomous and complex in itself. We enjoyed ourselves in ranging from pure rock ballads to new punk, from melodic Italian progressive to more harmonic music patterns. However, Passaggi means a multiple view on life. The music project goes along with the web. Passaggi is first of all offered to the audience as a interactive experience on the internet. All the tracks and instrumental lines, together with lyrics can be downloaded from www.filoritmia.it

Actually, we released all songs on the web from October 08 to May 09: one track a month. Each song has its own emotional environment: a dedicated web page with images and words...

What is the lyrical topics on your albums?

Well, each song has a story to tell. In general, we like to talk about life and human emotions. We start from a daily occurring to go deeper into human fragility and uncertainty.

You are listed as Rock Progressivo Italiano (shortened to RPI) in our database. But there is far more to Filoritmia than RPI. But how would you describe your music ?

We thank you for your choice! And we thank you even more for affirming that Filoritmia is far more.We mean: you're right to list us as RBI. The influences of bands like PFM or Area are surely there. But, frankly speaking, we do not consider Filoritmia as belonging to a particular genre. For instance, we all love King Crimson and some acid sounds we used in Passaggi could make someone think about some recent song theirs'. But, actually, we generally think ourselves as rock band,that's it. 

 

Is there any gigs and/or festivals you remember with great fondness?

You know, frankly speaking, we have participated in very few festivals. And we never got very positive impressions. We've always performed live show alone or together with maximum one band we know and appreciate. We know we have no much in common with many other rock or prog bands. But that's it...

 

How do you see the future of Filoritmia as a band? 

Playing live show, where possible... and working on some new tracks shortly. 

 

What is your five all-time favourite albums?

A Trick of the Tail by Genesis, In the court of the Crimson King by King Crimson, Images and words by Dream Theatre and Dracula Rock Opera by PFM (a great musical soundtrack by PFM released in 2005), Fugazi by Marillion. 

 

Anything you want to add to this interview?

Support self-productions and self-promoted bands!!! 

 

I am grateful to Filoritmia for the insight into their activities. They can be contacted directly at band@filoritmia.it  Their website is  www.filoritmia.it and their PA profile can be found here

 
Passaggi - Filoritmia
After a gap of nine years, Italian's Filoritmia have got round to releasing their second album Passaggi. Unfortunately I haven't heard their first album so can't make comparisons to musical development etc. However what I can say is I'm very impressed with this Milanese five piece; enough to consider tracking down a copy of their debut. Strong vocals sung in Italian are complimented by very competent musicianship from all players involved and mature songwriting. From the powerful opening track, Colla e Gesso it would appear we're in for a heavy rock, seventies style album with its powerful guitar riffing, pleasing Hammond organ and solid rhythm section. It doesn't take long however to realise that Filoritmia have more up their sleeves as they move through varying themes while maintaining the overall power of the song. Senza Sale confirms this being a more diverse piece and while it contains a heavier mid section is overall a more reflective track over its eight and half minutes. The instrumental Non E Festa seems to be a nod to fellow countrymen PFM taking its cue from their song E Festa.

L'uomo Che Torna is the most diverse track yet as it shifts from delicate light and shade into powerful riffing and an acoustic guitar driven finale overlaid with tastefully melodic soloing, the band proving they have the musical chops to deal with subtle textures as well as the heavier rocking moments. Godo continues the trend of shifting and inventive rhythms and starts as one of the heavier tracks until a piano led section shifts things down a couple of gears before moving into a lengthy guitar solo.

Il Sogno Del Fotografo has them in a more playful mood with a lighter feel and complex rhythmic patterns that never sit still. Halfway the mood changes into a piano led section with a darker feel. Questo returns to heavy rock territory and while it's decent enough is not one of the best tracks.

They save the longest for last with the ten minute Manifesto. Starting with the heaviest riff on the album it moves into an enthralling guitar dominated instrumental section and after a short return to vocals it's into more dynamic instrumental work.

With Passaggi, Filoritmia have come up trumps with a pleasing album of heavy prog, and while they are placed in the RPI genre here on PA, their music transcends such barriers and is likely to have a broader appeal to prog fans who don't usually listen to Italian prog.
 
Filoritmia - Filoritmia
FILORITMIA i'm sure would be listed under Heavy-Prog if they weren't Italian.This is their debut album from the year 2000.I'm not a fan of long albums and this hits at around 79 minutes.My thoughts are if your going to make a double album or one this long it better be really good all the way through.Rarely is that the case.And this is no exception.Lots to like here though, especially the drumming,bass and guitar work.The vocals are ok but nothing more. "Al Buio" opens with a music box as reserved vocals join in.It kicks in before a minute.Contrasts continue until it settles in around 2 minutes to a fairly powerful soundscape.I like the organ and bass 4 1/2 minutes in. "Rapporto Occasionale" features music that sort of stutters if you know what i mean.Love the bass.Again the music is powerful.Theatrical vocals after 4 minutes and the guitar before 6 minutes is excellent. "Il Mago" is my favourite.It opens and closes with this crazy laughter.The heaviness kicks in quickly with piano.A calm with acoustic guitar after 2 minutes and reserved vocals join in.Piano then takes over before it kicks back in.Some nice guitar after 5 minutes and some passionate vocals too.More great guitar later along with organ and drums. "Fiato Sul Collo" opens with melancholic paino as fragile vocals join in.It kicks in with drums before 1 1/2 minutes.Great sound 3 minutes in.Fantastic guitar before 6 1/2 minutes that goes on and on until the song ends. "La Mappa Del Tempo" opens with some incredible bass and the drums and guitar are intricate.Vocals and organ follow.Bass and paino 3 1/2 minutes in then the guitar rips it up. "Dirti Di No" opens with some atmosphere.The tempo picks up after a minute with vocals.Nice organ section before 6 minutes. "Per Essere Felici" begins with reserved vocals and piano before it kicks in around a minute.It settles as contrasts continue.I like the drums and bass here. "Questo Inferno" is a top three for me.It opens with piano until the bass takes over.It kicks in before 1 1/2 minutes as vocals join in.Some good guitar and organ on this one.I like the drumming late. "Anima" has quite the drum intro before we get a full sound with vocals.Nice laid back guitar 2 minutes in.The tempo continues to shift. "Epoca Lontana" opens with about 2 1/2 minutes of instrumental music before the vocals arrive.The drums stutter like on the second track.Piano 4 minutes in.Check out the drumming 5 minutes in and the bass a minute later. A good album but nothing special.
 
Filoritmia - Filoritmia
Although FILORITMIA have been rather lately introduced to the prog audience,they're not a new band around.They were formed in Milan by keyboardist Angelo D'Ariano, drummer Antonio Mazzucchelli and singer Giorgio Mele in 1993.It wasn't until 1997 when they secured a stable line-up with the addition of guitarist Roberto Riccardi and bassist Matteo Scarparo. FILORITMIA toured and performed live in furious rhythms and 2000 sees the band releasing their self-titled debut as a private press.

It is a great feeling to see a band producing rock music in a trully artistic point of view with so many influences and different styles.The ten tracks of this album are varied and range from complex, almost jazzy progressive rock and straight heavy rock to keyboard-driven instrumental and ballad-like passages.Unlike many of their compatriots, who try to recapture the 70's essence of Italian progressive rock, FILORITMIA leave the past behind, filtering their influences, and present some modern progressive rock music.Sometimes theatrical,sometimes heavy and sometimes adventuruous, ''Filoritmia'' is based on the very tight yet complex rhythm section,the strong guitar work of Riccardi and the sensitive piano/driving organ of D'Ariano.Really hard to compare with a specific band.Sounds and influences' sources start from 70's classic rock and end-up in both modern progressive rock and heavy rock.A wonderful listening and a decent start for this unknown band,heading mainly to anyone who likes the modern side of prog blended with classic rock elements and tight musicianship.Judge by yourself by giving FILORITMIA a chance.
 
FILORITMIA – PASSAGGI

Voetstappen. Zoiets betekent het Italiaanse woord “Passaggi” en is tevens de titel van de tweede cd van de in 1993 opgerichte Milaanse formatie Filoritmia. Aan de plaat ging een periode van zeven jaar schrijven vooraf, waarna anderhalf jaar in de studio werd gebivakkeerd om de plaat op te nemen. Vervolgens koos de band voor een aparte strategie: via hun website werd vanaf oktober 2008 iedere maand een nummer van de plaat gepresenteerd. Geheel gratis, met daarbij de optie voor het doneren van een zelfgekozen bedrag. De cd-versie verscheen in maart 2009 en laat de nummers in bijna dezelfde volgorde horen zoals zij online werden aangeboden. De verpakking is prachtig en toont een viervlak kartonnen hoesje -aan beide zijden bedrukt- dat van ieder nummer de tekst en een bijbehorende afbeelding bevat. De bijgeleverde extra informatie over de afzonderlijke nummers en de beschrijvingen over ‘diepe benaderingen ten aanzien van de harmonische structuren’ geven wellicht een iets te rationeel en te hoog ingezette indruk over de muziek van de plaat. ‘Acht stukken, acht indrukken, acht oneindige reizen die ontdekt dienen te worden’. Het is nogal wat.

 

Want de muziek, daar gaat het in de eerste plaats natuurlijk om. Bij het eerste stuk Colla e gesso vrees ik het ergste en gaan mijn haren al direct recht overeind staan, want meteen wordt duidelijk dat het hoge niveau van de verpakking de inhoud van “Passaggi” bij lange na niet haalt. Te horen valt neo-progressieve rock van magere subkwaliteit; Filoritmia zet de traditie van de uiterst fraaie prog uit Italië niet voort. Daarvoor zitten de nummers stuk voor stuk vol met te gangbare structuren en melodielijnen. Een ritmesectie die soms te hard op de feiten vooruit wil lopen (luister bijvoorbeeld naar Non è festa en Godo), waardoor Riccardi en D’Ariano het tempo maar amper kunnen bijhouden. De solo’s van laatstgenoemde zijn ook van een bedenkelijk niveau; het pianogeluid is nog acceptabel, maar als de overbekende ‘neo-synth’ aan bod komt (zeg maar het Awake and Nervous-introgeluid) dan is alle spanning uit de muziek plotsklaps verdwenen. Ook de zang van Mele komt niet uit de verf: soms klinkt hij als een te geforceerde James Labrie, dan weer als een gevoelige troubadour die een grote liefhebber is van David Sylvian, maar hoe erg hij ook zijn beste doet, het overtuigt niet. Of de tekstuele inhoud van de muziek net zo magertjes is; ondergetekende heeft eerlijk gezegd niet de moeite genomen om met het vertaalboek in de armen nogmaals naar deze cd te gaan luisteren.

 

Filoritmia, een groep die ongetwijfeld haar bakens op een virtuele manier goed heeft verzet en een hoop luisteraars met hun “Passaggi” heeft verrast, maar of dat voor iedereen geldt, daar valt aan te twijfelen. Dat is jammer, want er komt de laatste jaren – naast oudgedienden als Le Orme en PFM - zoveel moois uit Italië. Typisch een geval van ‘mooie verpakking, weinig tot geen inhoud’. En daar kan je als band in je uitgebreide biografische informatie geen muzikale noot aan veranderen.

 
Passaggi - Filoritmia
Filoritmia are an Italian prog band from Milan that have been active since 1993. The present line up features Roberto Riccardi (guitars), Matteo Scarparo (bass), Angelo D'Ariano (keyboards), Antonio Mazzucchelli (drums) and Giorgio Mele (vocals). "Passaggi" is their second full length album, after the excellent eponymous debut work released in 2000. Filoritmia's music is complex and features a wide range of sources of inspiration (from classic prog bands like PFM to hard rock and jazz) but the band managed to shape a fresh and original sound. All the tracks are in some way challenging and need more than one listen to be completely appreciated but in my opinion at length I'm sure you will enjoy the experience. The album opens with a sudden burst of energy. "Colla e gesso" (Glue and chalk) is a complex and "hard rocking" track full of whipping rhythms that invites you to make up your mind, to choose what's right, to look for you own way of life and to follow your dreams... "I've got the fantasy / I believe in what's fair / I can saw storms with the hardness of the thunder / And the skilfulness of a blind acrobat / That laughs smelling the smile of astonished children / I choose because to stand still is like dying...".

"Senza sale" (Without salt) is a long track in four parts that tries to describe in music and words a troubled relationship between a man and a woman. It starts with a sweet and romantic mood, then misunderstandings, incomprehension and rising tensions until the final split up...

"Non è festa" (This is not Celebration) is a tribute to PFM. Instead of playing just a cover of a song of the Italianprog masters, Filoritmia tried to elaborate a new and personal track starting from the melodic lines and rhythms of PFM's evergreen "E' festa" (also known as "Celebration" in the English version). The result is absolutely good.

"L'uomo che torna" (The man who comes back) is another sinuous track about a troubled relationship between a man and a woman. Sometimes we choose the wrong moments to express our feelings and words turn around without reach their goal, what's right for one person could be wrong for the other one and vice versa, so all we can do is trying one more time and come back to find the light again.

"Godo" (I'm getting pleasure) is like a long shower of energy. Electric guitar riffs and fiery bass lines drive the rhythm while suggestive vocals invite you to catch your time and to enjoy life overcoming the bad dreams.

"Il sogno del fotografo" (The photographer's dream) starts with intricate rhythm patterns, then comes a dreamy interlude that melts a solemn marching beat... The song is about the artist's dream to capture the reality and to shape it through his skilfulness. But the artist has to live into a dream to be creative and to express his talent... "I'm the god of the light / I'm the alchemist of the picture / You will live forever on this photo paper / I'm the master of your eternal youth / This is the dream...".

"Questo" (This) is hard and sharp, it tries to depict a sudden breakthrough from everyday life, an escape from reality on the wings of imagination... "You know, it's not easy to live without fairy tales...".

The final long and complex "Manifesto" is about mass media and consumerism... The smiles of anchormen are like the teeth of wild animals ready to bite you while radios kill any fantasy. What to do? Change radio before it changes you and play your own music to resist.

This is one of my favourite albums of 2009. Check it, you can listen to the whole album from the official website and then, if you like it, you can buy the "hard copy" in a beautiful five folds digipack. The art cover features eight images, one for each track.
 
FILORITMIA
Passaggi

In medias res. Quanto manca al progressive di oggi un esordio immediato, un incipit secco e diretto che spiazzi, catturi e streghi. Lo sanno bene i Filoritmia, che sparano senza tanti ghirigori Colla e gesso, dinamitarda opener del loro nuovo album Passaggi. Si sentiva il bisogno di un inizio privo di preludi e architetture sovrabbondanti, nella maggior parte dei casi rifugio di chi ha poche idee e ispirazione stantia. E ne sentiva il bisogno anche la band milanese, assente da ben otto anni: un’esigenza di dinamismo e immediatezza, di freschezza e grinta, elementi che troppo spesso latitano nel mondo odierno del prog. Evidentemente la lunga pausa - dal 2000, anno del debut-album, al 2008, anno del ritorno - ha fatto comprendere ai Filoritmia quanto sia importante affrancarsi dalla prolissità e dai luoghi comuni.

 

Passaggi è un disco importante: anche se non si allontana da suoni e arrangiamenti del suo apprezzato predecessore, è un album con il quale la comunità del prog italiano dovrà fare i conti. Raramente si trovano dischi come questo, capaci di bilanciare l’esigenza di non rompere con la tradizione e la necessità di usare un linguaggio moderno, adeguato alle dinamiche della contemporaneità. Alla band lombarda il gioco riesce, perché nel melange di riferimenti ai nostri padri Banco, PFM, Goblin e Locanda delle fate, si trova anche l’urgenza del rock duro alla Deep Purple, il piglio melodico e raffinato, la voglia di testi che abbiano senso e sostanza, l’eleganza sofisticata della miglior fusion alla Uzeb.

 

Prendiamo pezzi come la già citata opener, oppure Godo e Manifesto: roboanti e viscerali quanto basta, aggiornati con il rock contemporaneo tra influenze gabrieliane, ganci radiofonici e abbellimenti in stile art-rock. Non è festa è una gradevole citazione dei tempi che furono - quelli della PFM storica, in particolare – e non solo di un rock, ma soprattutto di un approccio alla composizione e all’idea di gruppo. I Filoritmia prendono da nomi come Yes e Premiata l’equilibrio, il bel senso del collettivo, il giusto amalgama tra solismo e insieme, anche se talvolta le strutture piuttosto complesse dei brani e delle parti cantate possono risultare ostiche.

 

Passaggi è anche un disco “libero”, visto che le singole tracce sono state gradualmente diffuse via web dall’ottobre del 2008 - in free download - e oggi sono ancora scaricabili dal sito del gruppo, a costo zero o a libera donazione. I Filoritmia hanno seguito l’esempio dei Radiohead di In Rainbows, ma un gruppo progressive non può fermarsi al supporto mp3: chi decide di acquistare il cd si troverà di fronte alla più classica confezione prog, concepita però con spirito decisamente moderno. Insomma, tra passato e presente, tradizione e modernità, conservazione della memoria e sguardi al futuro, si trovano gli ottimi Filoritmia.

 
PASSAGGI
filoritmia
Filoritmia è, prima di tutto, un progetto che indica una strada per dare vita alle proprie idee artistiche e insegna un modo per affrancarsi dalle case discografiche. La cura di ogni aspetto, dalla scrittura della prima nota su carta al confezionamento fisico del disco, è stata opera del gruppo milanese. Questo fantastico self-made consta di un bellissimo digipack in cui non troviamo un booklet: le liriche di Passaggi sono state stampate sulle ali cartonate del vano CD e, una volta aperte, vanno a formare un croce svizzera. Le stesse estremità sono compilate, fronte e retro, dai testi; ognuno di essi è accompagnato da una foto tematica e da un epigramma che sottolineano il senso della relativa canzone. Il tutto è racchiuso in un astuccio cartonato che ripropone gli splendidi scatti fotografici, anche all'esterno. Filoritmia è anche, e soprattutto, un meritevole laboratorio musicale. L'itinerario intrapreso dalla band ha rispettato i tempi di una fine maturità artistica, di un complesso quanto necesserio cesellamento artigianale, di una particolare e originale forma di autoproduzione ed editorialità. La stagionatura compositiva di questo gustoso nettare fonico comprende un quinquennio (2001-2006) mentre registrazione, missaggio e masterizzazione si sono estesi fino a metà dello scorso anno. Il passo successivo è stata la pubblicazione in anteprima dell'opera sul loro sito. Lo step conclusivo è stato la raccolta autoprodotta su compact disc delle composizioni, su progetto e realizzazione grafica del gruppo stesso. Passaggi propone un prog italiano d'annata, sui passi della Premiata Forneria Marconi, su cui si innestano numerose e inusuali fioriture che danno nuova linfa all' italico rock settantiano. La voce teatrale di Giorgio Mele addomestica magistralmente metriche ribelli e rime restie nel mostrarsi: questo virtuosismo sillabatorio si serve del suo stesso parossismo per portare al massimo livello l'espressività dei contenuti. Le ritmiche di chitarra, così tradizionali nelle sequenze bicordali, si caricano altresì di uno splendido suono vintage (sembra proprio il timbro sublime, nel suo essere demodè, delle sei corde di Stone Gossard, Mike McCready e Eddy Vedder dei Pearl Jam più recenti) ma sembrano ultramoderne nella fraseologia solistica, facendo da eco alla citata elequenza testuale con lick esondanti. Notevole l'apporto ritmico di Antonio Mazzucchelli e Matteo Scarparo, ordinatamente intricato come l'ordito ligneo della volta dell'alhambra granadina. Evocativi i tasti di Angelo D'Ariano, che non riniunciano a sonorità à la Premoli, anzi le pongono in risalto con orgoglio. Un lavoro buono sotto qualsiasi punto d'osservazione, che rinnova la più indigena delle nostre forme musicali moderne: prog purissimo che invecchiando, come un vino d'annata, ci fa degustare le sue meraviglie, i suoi aromi e sapori sonori.
 
FILORITMIA - Passaggi
Selfproduced

Tornano a distanza di parecchi anni i Milanesi Filoritmia e ci stupiscono ancora una volta per la scelta di divulgare la propria musica. Una autoproduzione alquanto meticolosa e messa (GRATIS) a disposizione di chi la volesse ascoltare nel loro sito: http://www.filoritmia.it/filoblog/songs_download.asp

 

Ma per gli amanti del supporto classico, il cd lo si trova anche nei negozi specializzati, un disco con un artwork particolarmente curato, che merita sicuramente attenzione. Questo secondo album “Passaggi” ha un titolo che ritengo perfetto, in quanto nella loro musica esistono mille sfaccettature, davvero molti “passaggi”. Incontriamo l’Hard Rock, il Dark, il classicissimo Progressive, il Jazz. Un disco fuori dal tempo, quello che rende felici tutti gli amanti del genere, soprattutto degli anni ’70. I pezzi sono tutti di lunga durata e variano dai sei ai dieci minuti l’uno.

 

Su una base Hard Rock comincia “Colla E Gesso”. Subito in evidenza la voce di Giorgio Mele e poi un sound greve, a tratti oscuro per un refrain orecchiabile. Cambi di tempo all’interno, ecco il seme Prog che cresce per poi svilupparsi in un solo di chitarra e tastiere caratteristico del genere. Ciò che dona l’effetto anni ’70, sono soprattutto le tastiere di Angelo D’ariano. Un arpeggio di chitarra e la voce di Mele aprono “Senza Sale”, canzone differente dalla precedente e molto attenta al lato commerciale, autrice di un ritornello gradevole. I Filoritmia hanno ascoltato anche Le Orme, Il Banco, gli Atomic Rooster e compagnia bella, tutto questo di tanto in tanto affiora nelle composizioni. Ancora una volta resto colpito dal lato strumentale del pezzo, nell’assolo degli strumenti fuoriesce l’anima della band, una cultura Rock di buono spessore, messa a nudo per il nostro ascolto. Buoni i cambi di tempo di Antonio Mazzucchelli (batteria) e di Matteo Scarparo (basso), ma è la chitarra di Roberto Riccardi a tracciare sentieri nuovi nella nostra mente.

 

Dotati anche di un buon senso di humor, i nostri artisti si inventano una nuova tarantella Rock strumentale ed allegra, stile PFM, ma con i tempi che corrono il titolo cambia ed al contrario dell’originale, si chiama “Non è Festa”. Momento davvero simpatico, che si regge sulle tastiere nel refrain, una chicca geniale che mi ha davvero fatto sorridere. Ecco, musica soprattutto per divertirsi e far divertire, anche se i Filoritmia quando vogliono sanno fare sul serio. Ogni singolo brano è un tassello stilistico a se, come un tributo ad ogni stile. E così si cambia rotta con “L’uomo Che Torna”, un sound più raffinato ed intimistico che si scambia con tratti nervosi e graffianti. Ancora chitarre Hard per “Godo”, altra minisuite di quasi dieci minuti di buono ed antico Rock. “Il Sogno Del Fotografo” prosegue il discorso più Progressivo e miscela sonorità alla Delirium con Gentle Giant, King Crimson e molto altro ancora. Ma come si dice….Dulcis in Fundo, “Manifesto” è un pezzo Hard Prog che farà impazzire letteralmente tutti gli ascoltatori amanti del genere. Io ho goduto a pieno del momento strumentale finale, uno dei frangenti più importanti che ho ascoltato in questo 2009.

 

Ecco, questi sono i Milanesi Filoritmia, una band che ha saputo fare propria l’essenza dell’arte Rock, che l’ha saputa metabolizzare e che ora ce la ripropone alla sua maniera. Non fermarsi mai, ricercare ed ascoltare, questo è il vero sunto del Progressive Rock ed io faccio tanti complimenti a questi ragazzi, perché mai e poi mai bisogna dimenticare da dove si viene, ma allo stesso tempo andare avanti. Complimenti davvero!

 
Filoritmia - Passaggi

I have never heard of this Italian progressive rock band but wow… This is a very impressive package with a deluxe multi sleeve fold out digipack with amazing artwork to go along with each piece of music. You also get all the lyrics in Italian. The most impressive CD package I have seen this year. But it is not just about the art, the band can really play some amazing and dramatic and beautiful music.

 

The first two opening tracks are some of my favourites and also a bit more heavy. "L’Uomo che Torna" is next and an instrumental and quite complex arrangement lead by the keyboards more or less throughout the track. Non e Festa is next and almost 9 minutes with a slightly darker yet melodic theme to start. But it really builds in intensity and reminds me of Goblin. It has a nice acoustic ending as well. Great song. "Godo" is next and clocks in at 9½ minutes and is quite guitar dominated with a cool rock riff that takes the track along but some nice synth lines also add a bit of psychedelic element. Like all the rest of the song, it also twists and turns and develops and features some nice lead guitar as well. "Il Sogno del Fotografo" is a very complicated and dynamic track with features piano and nice vocals. The track really takes off at the end. "Questo" features a heavy metal like guitar and is a bit crazy at times. I like the interplay with the organ and guitar. Cool guitar on this track. "Manifesto" ends this hour long CD of 8 tracks and is 10 minutes long and has many different passages and themes. Again, another great song.

 

Fans of PFM, Goblin, and other 70’s Italian prog bands will like this very much. Amazing CD. I can’t wait to hear the next one.

 

http://www.filoritmia.it
If you dig: PFM, Goblin, Italian Prog

 
Passaggi 2 commenti
Review

Filoritmia is a band hailing from Milan, Italy, that releases all of their music online, and offers it free of charge at www.filoritmia.it, with a donation option (which is not mandatory).The tracks on this album, Passaggi, were published in succession in a period from October 2008 to May 2009, with a new track released each month. Passaggi is 100% self-produced by the band, with no record label to aide them. They believe in total communication, and this release is supposed to represent this. Of course, all of the lyrics are in Italian.

 

Their music is like a mix of hard rock, classic Italian prog, and "big five" style progressive rock. However, they manage to blend all these influences into their own unique sound, which shows a band that knows what their doing, and is very good at it also.

 

"Colla E Gesso" is a very hard-rock oriented tune, with very little to keep interest. "Senza Sale" starts off with some pastoral guitar work and vocals, then some shuffle drumming comes in, and a rock section follows, which reminds me of like 80s/90s Banco material crossed with some mainstream rock. Then an instrumental section that is very typical of an 80s rock group, then some nice guitar sounds into a lighter instrumental passage with some key flourishes, and vocal re-entering. This tune finishes with a hard-rock type of groove. The tune is rather good, but not great.

 

"Non E Festa" Opens with a hard/rock proggy mix, with some nice analog keyboard/piano lines and clean guitar work. A very proggy instrumental section ensues, which recalls the greats of 70s Italian prog, but they make this section all their own, and play with lots of feeling. The vocals enter toward the end, and quote PFM's classic track, "E Festa". This tune carries the same celebratory feeling. The keyboards and ultra-tight drumming stand out here!

 

"L'uomo che Torna" follows suite, and is a successful mini-epic, reaching a length of 9:07. It features three movements, two of which are slower and smoother. The middle section is a powerful, heavy section, and is followed by a gorgeous outro, and soaring guitar solo. The story is about a man and woman searching for each other, but they never find one another. Excellent!

 

"Godo", another lengthy tune, clocking in at 9:40, comes next. This tune starts with an aggressive rock section, which reminds me of Museo Rosenbach at their heaviest, with some modern hard rock flair for good measure. Piano enters as the first part passes away, and echoed vocals transcend in this section, as well as the pounding drums. Heavy guitars enter again, and bass gives a driving pulse. Then the piece goes on in this fashion until the end, until a tasty guitar solo ends the piece.

 

"Il Sogno Del Fotografo" comes next. It features some clean guitar sounds, with tons of prog rhythms and melody lines that wont be out of place on any of the classic "big five" albums. Really awesome! "Questo" is a driving rock tune, and an excellent one at that! This tune is a fine example of FIloritmia's distinct sound. Also excellent!

 

The album closes with "Manifesto", which is the longest tuen on the album, clocking in at 10:02. The opening sounds very similar to the hard-rock sections of the previous tune. Things get interesting around 3:00s in, as a really awesome prog section ensues, with tons of counterpoint, time signature changes, and killer guitar and keyboard lines, not to mention some extremely tasty drum work too! A soaring section ensues with some great vocals, then the tune enters itself into powerful heaviness for a bit, only to return to the soaring symphonic prog again, all in under a minute! Then it shifts back to heaviness, with a speedy, 80s metal type guitar solo. Then all is quiet, except for piano, then the band comes in and builds up in a masterful crescendo of volume and intensity, and then they stay at the high, and close the piece. Wonderful!!

 

Overall, this is a great album that really shows a very mature band that has crafted their own sound and uses it to the fullest extent of their abilities. The vocalist has a very unique voice, and sounds great. He really has a great voice, and sings pretty much perfect throughout. The guitar and keys are great, and they play some tasty things now and again. The bass and drums are as solid of a rhythm section as they come, and hold the band together nicely. The band never gets flashy with their playing and solos are few and far between. Although this album is not perfect, it's still a fine example of modern Italian progressive rock. Recommended for symphonic lovers and those who like edge to their prog mostly.

 
Filoritmia - Passaggi

Scelgono un modo un po’ particolare per veicolare la propria musica i Filoritmia.
Pubblicano sul loro sito internet a cadenza mensile a partire dall’8 ottobre 2008 e fino all’8 aprile 2009 i vari brani (scaricabili gratuitamente o con una offerta libera) e l’8 maggio 2009 esce la versione CD di “Passaggi”, la somma degli otto pezzi pubblicati su internet.
Scelta che, a sentire la band,è stata premiata da buoni riscontri.
La formazione meneghina (Angelo D’ariano tastiere; Antonio Mazzucchelli batteria; Giorgio Mele voce; Matteo Scarparo basso e Roberto Riccardi chitarra) aveva esordito nel 2000 con l’album omonimo, dalle buone critiche, poi dopo un anno sabbatico (il 2004), nel 2005 il lento ritorno alle composizioni ed ora questo nuovo progetto.  


Riff nervosi, momenti più pacati, sobri passaggi strumentali, sprazzi heavy, rock d’autore, trame new prog, sperimentazioni ritmiche, testi mai scontati, un cantante di buona personalità, ricordi del pop italiano anni ’70 debitamente rivisitati…..
Un pizzico di “preoccupazione”: che mi sia imbattuto nell’album che aspettavo del 2009?
La granitica “Colla e gesso” ha l’onore di aprire il CD. L’andamento è incalzante e molto rockeggiante con riff di chitarra molto incisivi che rimandano magari anche all’hard rock dei Seventies, ma tradiscono comunque un radicamento convinto alle sonorità del nuovo millennio oppure anche certi momenti della Pfm di “Serendipity”.
Brano senz’altro convincente.
Diversa la traccia successiva, “Senza sale”. Solo dopo una introduzione acustica, il brano esplode con intrecci suggestivi tra assoli di chitarra e tastiere vintage, ben sostenute dalla duttile voce di Giorgio Mele, che nel finale viene ulteriormente distorta ed enfatizzata per portare poi ad un crescendo conclusivo veramente azzeccato.  


Splendida anche la “non-cover” “Non è festa” che omaggia la Premiata, ma che possiede la sfrontatezza e la capacità di sorprendere che può avere solo un brano originale quale in effetti è la composizione.
Le due anime della band (quella intimista e quella heavy) cozzano anche in “L’uomo che torna”.
Delicati arpeggi di chitarra ed un canto soffuso vengono ben presto imbrigliati e sostituiti da una esuberanza sonora evidente e per certi versi “straniante” (ancora la voce distorta…) e poi incanalati di nuovo in “passaggi” (appunto…) più soft.  


Ormai lo stupore è divenuto ammirazione.
“Godo” è uno schiaffo ben assestato, ma per nulla doloroso: teso, tagliente (anche nel testo..), ma pure intensamente lirico. Le famose 2 ( e più) anime della band.
Il sesto brano (inizialmente pubblicato su internet l’8 febbraio 2009) è “Il sogno del fotografo”. Stavolta mi convincono meno sia il testo che il cantato, mentre sempre pregevoli i guizzi strumentali con ritmiche irregolari ed un bel solo di tastiere nel finale pirotecnico.
Riff brusco di chitarra ed un ritmo spezzettato sono le travi portanti di “Questo” , altro brano riuscitissimo.
Chiude un album che necessita ascolti a più riprese e a vari livelli, “Manifesto” ancora su ottimi standard qualitativi.  


Trovo piuttosto pertinente l’accostamento con i Deep Purple, il cui fantasma buono aleggia spesso nelle composizioni del gruppo meneghino, ma assieme a molto molto altro.
Tornando all’entusiasmo iniziale, non posso che confermare la bontà di “Passaggi” ed invitare all’acquisto di questo CD che, dulcis in fundo, dispone di una confezione di pregio assoluto. Il che non guasta.

 
Filoritmia: Passaggi

For a band that has embraced the internet for all it is worth – distributing its first CD freely on the internet as far back as 2001 – Filoritmia have produced a physical CD package that is a tactile and visual joy. Produced in a heavy-duty card as a multi-fold-out sleeve with the lyrics and many photographs, it is the kind of sensual object often connected with vinyl-LPs that many music fans of my generation mourn the passing of. But what of the music? Does it live up to the sense of expectation caused by the packaging?

 

Well, yes and no. I think the answer depends on how you stand with regard to Italian progressive rock. Italian progressive rock has its own distinctive soundscape, its own texture, so much so that many authorities assign it its own sub-genre in progressive rock – the so-called "rock progressive italiano". And you don't get much more Italian than Passaggi, Filoritmia's second album. Mind you, if you are a fan of the Italian genre, then you may well already have heard the album because, true to their internet courtship, the band have been releasing, free, one track from it each month since last October. It's extraordinary, isn't it, how some artists embrace the net, seeming quite content to seemingly give away their intellectual property, yet presumably still finding their music making endeavours worthwhile, while others just moan that it's destroying their livelihoods.

 

Anyway, back to the music, which is very Italian progressive rock. It is sung completely in Italian, except for "Non è Festa", which is, in effect, an instrumental. I would say that Passaggi is guitar driven – at times it sounds like a straight rock record – but just when you think that it is descending into banality, out come the keyboards, the Hammond, the piano; out comes a divine sung melody; out come the structural changes that keep you hooked and keep you tuning back in again. It's an appealing sound, without ever really taking off in a major way.

 

Filoritmia are true followers of their heritage. Their live show has often featured covers of other famous Italian bands' compositions, such as those of Premiata Forneria Marconi (PFM) and Banco del Mutuo Soccorso. On Passaggi, Filoritmia honour that legacy with a reconstructed version of PFM's "Celebration"; hence the pun in the title of "Non è Festa" ("It is not celebration"), which the band shout out towards the end of this fine rendition. Elsewhere the music has a more individual flavour: highlights include the guitar and Hammond combination on "Colla e Gesso" and "Questo", as well as the pretty melodies of "Senza Sale", "L'Uomo Qui Torna". "Questo" has excellent rhythmic qualities to boot and is the pick of a good bunch of compositions.

 

If you've ever enjoyed pure Italian progressive rock, then you'll enjoy Filoritmia's Passaggi! And if you're not sure, then you can listen to it all absolutely free on the band's excellent website!

 
Senza perdere il Filo...

Avevamo lasciato i milanesi Filoritmia alla lunga pausa di riflessione del 2004. Pareva si fossero sciolti dopo l'omonimo ed esplosivo album di debutto del 2000, e dopo una miriade di concerti lasciando sfracelli di giudizi positivi durante i loro... passaggi. Ecco, “Passaggi” è proprio il titolo del grande ritorno dei Filoritmia. Nella recensione del loro primo disco il nostro buon Donato Zoppo si chiedeva si ci sarebbe stata una prossima volta perchè non si sapeva che fine avesse fatto questa prorompente band. Sì, eccola qui la loro “prossima volta”. Riunitisi subito l'anno dopo, nel 2005, Giorgio Mele (voce), Roberto Riccardi (chitarra), Angelo D'Ariano (tastiere), Matteo Scarparo (basso) e Antonio Mazzucchelli (batteria), hanno portato in seno al progetto nuove idee a cui lavorare alacremente, cristallizzatesi in questo “Passaggi”.

 

Autoproduzione centrata e gustosa, con un package molto bello, la particolarità di questo lavoro è che è stato distribuito on-line sul sito ufficiale dei Filoritmia un po' alla volta, lasciando i fruitori liberi di fare un'offerta. Ogni mese a partite dall'8 Ottobre 2008 veniva regalato un pezzo. Bella idea. Adesso c'è anche il cd completo. La musica dei Filoritmia non è cambiata moltissimo e affonda i propri denti in un hard-rock duro, appunto, graffiante, spigoloso, dai riffoni tra Purple e Sabbath. Ma anche con rimandi non troppo velati alle band anni '70 che contemplavano questo tipo di musica, come Il Rovescio della Medaglia o ancor più Teoremi e Atlantide. Più recentemente possiamo trovare riferimenti a Piedi Nudi. “Colla e Gesso” e “Senza Sale” ne sono gli esempi più lampanti. Bellissime le citazioni di “Non è Festa”, che riprende a grandi linee (di synth) “E' Festa” della PFM e la stravolge, un'altra tarantella rock vista da una luce diversa, un gran bel brano strumentale.

 

C'è spazio anche per una prog-ballad ingarbugliata come “L'Uomo Che Torna”, in cui la voce di Mele è incisiva, magniloquente e gli intrecci sonori ad alti livelli, con esplosioni centrali di chitarra elettrica e momenti di calma jazzati. I Filoritmia non smentiscono la loro classe, lo smalto che non è andato perso nel tempo. Ancora hard-rock progressivo per “Godo”, molto duro, mentre “Il Sogno del Fotografo” declama intrecci e tempi elaborati in puro prog, ma senza tastiere invadenti e insopportabili. La band ci sa fare e non stra-fa, appunto, non invade spazi sonori inutilmente. Grande brano, probabilmente il migliore dell'album. “Questo” si apre con un riff tagliente, al limite dell'heavy-metal, ma poi la classe della band trasforma il brano in qualcosa di più e non si limita a far “casino”.

 

Chiude il disco “Manifesto”, altro riffone in apertura e grande sfoggio di venature purpleiane giù per oltre 10 minuti, tra stacchi e rock sanguigno, ventricolare. Si sente che i Filoritmia amano l'hard-rock. Lo interpetrano però a modo loro, in maniera molto significativa, molto vicina al prog italiano del magico decennio Settanta, con eleganza e raffinatezza. E' un graditissimo ritorno questo dei Filoritmia, per fortuna non hanno abbandonato la loro personalissima via.

 
Filoritmia's Music Is Back

Passaggi, the new music project by the band from Milan, Filoritmia, is ready. After successfully experimenting with the web-distribution of their first record in 2001, Filoritmia go further: at www.filoritmia.it, a new song will be published every month … a new track every month which can be downloaded with a free donation … or even free of charge!

The first two tracks - "Colla E Gesso" and "Senza Sale" -- were posted October 8.

2008 is an important year for Filoritmia. The five musicians are back with a new project which, actually, they have been working on for more than two years. After the first CD and several live concerts that had preceded and followed its publication, the band took a two-year break in 2003. In 2005 they joined together once again to work on this project with new strength and awareness, both favoured by several individual musical experiences.

 


The title of the new album itself, Passaggi, expresses the idea of total communication which has always been the root of Filoritmia’s approach to music. No labels, no exclusive mark of a genre or of a particular tradition. Yet, the awareness that influences are many and inevitable. Each musician brings them within himself and he pours them into the tracks of the band, no one and nothing is pure and definitive. Passaggi are the multiple experiences, be them conscious be them unconscious, that mark one’s life, one’s tastes, one’s personality. Passaggi represents the eternal movement which lies within any creative moment, any inspiration in art.

At the beginning, Passaggi will be published only in the web: one track a month … until April 2009! "Colla E Gesso" is a powerful rock song with intense and sharp lyrics: “Life is a matter of choices. Who is not strong enough to choose, he lives a poor irrelevant life, as if he was floating in the sea of other people’s imagery … Significance of things disappears." Much sweeter is the intro of "Senza Sale." Soon the tracks develops little by little into a much stronger and harder sounding atmosphere. Love without the recognition of somebody else except the lover isn’t worth being felt. Love has got thousands of flavours, but "unsalted" is definitively the worse.

www.filoritmia.it is the new website of the band. Everything has been designed with the sole intent of a much closer sharing of experiences (musical and more) with the audience. Every track has got its own story, an emotional and imaginative background on its own. In other words, every track has got an homepage to be discovered and enriched by the audience...

Filoritmia's web site showcase features many original sections: The Suona con noi area (Play with us) gives anyone the chance to download a special track (one for each released song) where one instrument (bass, drum, keyboards or guitar) has been cancelled.

Each song has got a special blog for comments and direct feed-back from the audience

… And many more …

Every month in www.filoritmia.it a new track of the new album, Passaggi, will be publish for download, together with the full music track, lyrics, instrumental tracks, music papers and even some funny studio experiences in video or audio files. Any song by Filoritmia is a world on its own and each webpage talks to the audience about this world and the band wants to share it totally. Of course, all the tracks (only the published one ...) can be selected, downloaded and included in a personalised play-list which can be then suggested to other web-navigators in the special “my play-list” section.

Only those who download decide the price of the music and its value …

A free donation system gives the chance to contribute to Filoritmia music project …

 

 
FILORITMIA, PROGRESSIVE CON PERSONALITA'
La band milanese dei Filoritmia affida al web la diffusione del nuovo album, "Passaggi". Canzoni centellinate per questo gruppo che si rifà alle sonorità progressive anni 70', un po' Pfm un po' Genesis, ma dalla convincente personalità: l'8 di ogni mese, un brano inedito scaricabile dal nuovo sito internet, a contributo libero. Per ora si possono ascoltare "Colla e gesso" e "Senza sale". Un salto sul sito www.filoritmia.it vale la pena.
 
Tornano i Filoritmia!
TORNA LA MUSICA DEI FILORITMIA
È pronto il nuovo lavoro della band milanese dal titolo: “Passaggi”. Dopo aver sperimentato con successo nel 2000 la diffusione del loro primo disco attraverso il web e non solo, ora i Filoritmia vanno oltre: rilasceranno sul sito www.filoritmia.it un brano inedito al mese, scaricabile con un contributo libero… anche pari a zero! Primo appuntamento: mercoledì 8 ottobre 2008 con i brani “Colla e gesso” e “Senza sale” · Anno importante il 2008 per i Filoritmia: i cinque componenti del gruppo propongono un nuovo progetto musicale al quale, in realtà, stanno lavorando da due anni e mezzo. Dopo il primo album e la serie di concerti live che lo avevano preceduto e seguito, una pausa e poi ancora insieme, ciascuno arricchito da esperienze diverse. Passaggi, questo è il titolo dell’album che raccoglie 8 brani inediti verrà all’inizio pubblicato solo online: un brano inedito al mese, fino all’aprile del 2009. La divulgazione sul web è fissata per il giorno 8 di ogni mese. Il primo appuntamento è per mercoledì 8 ottobre su www.filoritmia.it · L’esordio di Passaggi, al quale si accompagna l’inaugurazione anche del nuovo sito, avverrà con il rilascio non di uno, ma di due brani: Colla e gesso e Senza Sale. Ogni canzone è un evento a sé, che offre emozioni, atmosfere e sonorità del tutto esclusive. Così a testi importanti e note mai banali, viene associata anche l'esperienza visuale. Tutti i brani sono rappresentati da fotografie che sono il frutto dell'interpretazione dei cinque autori. E i Filoritmia vogliono dedicare lo spazio che un’esperienza così totale e coinvolgente merita. Nuovi brani e un modo diverso di interpretare se stessi, un universo tutto da scoprire, così come da scoprire è il nuovo sito dei Filoritmia, che fa largo uso di ciò che di meglio offre la programmazione web 2.0. · Musica, materiale audiovisivo, blog, commenti, classifiche e interazione con i cinque elementi della band. Addirittura suonandoci insieme! La sezione Suona con noi, infatti, offre la possibilità di scaricare i brani privi di uno dei cinque strumenti per “suonare” insieme alla band milanese. Chi lo desidera può comporre la propria playlist, ascoltarla o consigliarla ad altri. Insomma una community che i Filoritmia si impegnano a tenere aggiornata e che li vedrà partecipare attivamente nelle discussioni che verranno. · I Filoritmia si dimostrano coerenti con la scelta operata già nel 2000, quando oltre alla distribuzione nei negozi di dischi, l’album era scaricabile gratuitamente sul loro sito. Anche Passaggi è disponibile a costo zero, ovvero è possibile assegnare un valore economico alla musica dei Filoritmia, anche ZERO EURO! Zero euro, o meglio il valore che ognuno deciderà di assegnare, per scaricare in formato mp3 (alta e altissima qualità) e addirittura WAV, cioè il massimo in termini di qualità audio. Di più c’è solo il cofanetto nei negozi! · La band milanese, inoltre, va orgogliosa della propria autonomia. Anche questo lavoro porta la firma dell’etichetta indipendente Filoritmia. Certo, ci è voluto tempo, impegno e anche denaro per arrivare fino in fondo. Ma il risultato è esattamente quello che i cinque artisti avevano in mente, senza interventi esterni che fuorviassero il loro modo di vivere e raccontare un’esperienza musicale ricca, coinvolgente e da tutti condivisa. Per informazioni: band@filoritmia.it - www.filoritmia.it
 
Filoritmia: il nuovo disco si scarica a rate
A otto anni di distanza dal disco di esordio torna la band milanese dei Filoritmia,con l’iniziativa di mettere completamente on line, rateizzando il download, il proprio nuovo disco autoprodotto, "Passaggi”.

A otto anni di distanza dal disco di esordio torna la band milanese dei Filoritmia, con l’iniziativa di mettere completamente on line il proprio nuovo disco autoprodotto – la cui gestazione è durata due anni e mezzo – che si intitola “Passaggi”.


L’album sarà in vendita ma allo stesso tempo scaricabile in modo rateizzato, mettendo periodicamente da ottobre fino ad aprile 2009 - in download gratuito, ad altissima qualità – otto brani scaricabili legalmente sempre di giorno numero otto.

 

Si può scaricare secondo questo calendario sul loro sito:
COLLA E GESSO (pubblicazione 8 ottobre 2008)
SENZA SALE (pubblicazione 8 ottobre 2008)
NON È FESTA (pubblicazione 8 novembre 2008)
L’UOMO CHE TORNA (pubblicazione 8 dicembre 2008)
GODO (pubblicazione 8 gennaio 2009)
IL SOGNO DEL FOTOGRAFO (pubblicazione 8 febbraio 2009)
QUESTO (pubblicazione 8 marzo 2009)
MANIFESTO (pubblicazione 8 aprile 2009)

 

Del loro primo cd (del 2000) aveva scritto Donato Zoppo: “I Filoritmia arrivano nel 2000 a licenziare un lavoro tendenzialmente perfetto: parlo di perfezione perché in primis nulla é lasciato al caso, dalla registrazione alla postproduzione, in secundis perché il loro sound è davvero entusiasmante! 70 minuti di musica in cui si tenta di racchiudere un’idea sonora ampia e sfaccettata, tra progressive, jazz/fusion ed hard, con una tendenza alla sovrabbondanza (anche nelle indicazioni del booklet…) che non diviene mai un difetto ma un piacevole pregio”.

 
Filoritmia - Filoritmia
Filoritmia is an Italian prog band that was founded in Milan in September 1993. Anyway, it was only in 1997 that the band found the ideal line up, when Roberto Riccardi (guitars) and Matteo Scarparo (bass), joined the historical nucleus formed by Angelo D'Ariano (keyboards), Antonio Mazzucchelli (drums) and Giorgio Mele (vocals). In September 2000, after many years of live performances and pauses dedicated to composition, Filoritmia released their first eponymous album, completely self-produced but featuring an excellent recording quality. All along the album tracks you can find a wide range of sources of inspiration (from classic prog bands like PFM, BMS and Genesis to funky and jazz) but the song-writing is always fresh and original and the result is definitively good.

"There's a man who's walking on my tongue..."... The opener "Al buio" (In the dark) begins like a nursery rhyme on a sound of carillon but after two minutes the music turns into a more dramatic mood. The song was inspired by the worming feeling of racism that was spreading all over Italy after the first waves of illegal immigration in the nineties and tries to shout out the necessity to keep open your mind to different cultures: in the dark you can't perceive the differences in the colour of the skin... "Will the time come at last, when people are not compelled to turn off the light to understand they are all human beings?"

"Rapporto occasionale" (Chance meeting) is another great track featuring vintage sounds that swing from mellow symphonic to hard rock. Lyrics are about the difficulties to communicate with people we don't know because of our hidden fears. According to the band "the music tries to express this idea of deep uneasiness: sudden changes in rhythm and an upbeat-based melody which makes the first listening hard and unnatural..."

"Il mago" (The Wizard) is a "charming" mini suite featuring evocative vocal parts and excellent instrumental breaks. It reminds me every now and again of some works of BMS but the music is original and the sound is up to date. Lyrics are about the charm of words, sweet and easy promises, disillusion and broken dreams... "Come with me, I'm the wizard!". Definitely one of my favourites tracks on this album.

"Fiato sul collo" (Breath on the neck) is long complex track featuring shifting tempos and an excellent guitar solo finale. Lyrics are about the urge to run away from what we don't know and unconsciously fear, because sometimes ill fantasies compel us to prey and "blindly jump" forward...

"La mappa del tempo" (The map of the time) is simpler, light and fresh. It features a funky and swinging mood while ironic lyrics deal with a way of life without any plans for the future...

"Dirti di no" (Saying no to you) is an interesting track that blends reggae patterns to "classic progressive rock" parts with keyboards in the forefront . "I want tyres for exceptional performances / And the sensuality of a man who never needs to ask..."... Lyrics are sarcastic and according to the band this is "a song full of rage that expresses a strong intolerance towards a deep-rooted inclination to superficiality"...

"Per essere felici" (To be happy) is a very good symphonic track featuring a dramatic mood. Lyrics have been inspired by a poem of Fernando Pessoa and are about the meaning of happiness.

"Questo inferno" (This hell) begins with a delicate piano arpeggio, than an obsessive bass line brings an atmosphere of uneasiness. The song is about depression and, according to the band, here "the music is meant to create a dreadful, gloomy atmosphere". All along the nine minutes of the song you can appreciate the excellent musicianship of the band and their ability to create original musical patterns.

"Anima" (Soul) is an energetic and melodic ballad that reminds me of some recent works of Nomadi (with Danilo Sacco on vocals). Lyrics try to describe a kind of quest for the true meaning of life where melancholy is a "mask of fire burning out one's feelings"...

The last track "Epoca lontana" reminds me every now and again of BMS and PFM. Lyrics are about alcohol addiction and the music underlines the moments of crises described by the lyrics...

On the whole an excellent album without weak moments all along more than seventy minutes of music... At the moment the band is in stand by, on account of the difficulties of the prog market... I really hope that this album could be re-released and adequately promoted in the future. In the meantime it can be legally downloaded for free from the official website of the band... In my opinion this is an essential listen for every Italian prog lover, but have a try and judge by yourselves!
 
Canzoni ostinate
Filoritmia (autoprodotto, 2000)
Immaginate la forma della poesia e della novella andare a braccetto con la sfrontatezza strumentale dei Kansas o dei Deep Purple ed otterrete Filoritmia. Per il suo esordio omonimo la band milanese ha realizzato un disco che getta un ponte tra il progressive onirico e i watt turbolenti dell’hard rock. Ma non si tratta solo di questo: un senso di ventura, affabulazione e arditezza lo rendono assolutamente prezioso ed emozionante. Ci sono dieci canzoni imponenti sia per tempi che per misure dove i temi principali e le digressioni si scavalcano di continuo dilatando la forma canzone che le sottende. Il mago è un buon esempio della formidabile tensione narrativa che governa il disco; è come attraversare un mare elettrico e burrascoso, scoprendo qua e là improvvise isole di quiete acustica. Fiato sul collo non è meno arcana e vigorosa della precedente, merito soprattutto di una Fender Stratocaster che nella sezione conclusiva esplode in un’inesauribile performance solistica. Altri meriti di Filoritmia sono l’impeccabile lavoro di mixaggio e il prezzo davvero politico: solo 13 euro per aggiudicarsi una delle migliori autoproduzioni hard-progressive in circolazione Le singole tracce, in ogni caso, sono disponibili gratuitamente anche nel sito della band dove troverete inoltre Para ser feliz, l’inedita versione portoghese di Per essere felici. Durante i concerti la scaletta dei Filoritmia si arma anche di alcuni pezzi storici del Banco del Mutuo Soccorso, della Premiata Forneria Marconi o dei Goblin; “profondo rosso” o “deep purple” che sia, il colore del gruppo vi colpirà comunque per una sua tonalità unica e distintiva. Scopriteli su disco e cercateli dal vivo.
 
Filoritmia, il rock è «progressivo»
La band milanese stasera a Mariano dopo un anno e mezzo d’assenza
di Alesandro Casellato || La Provincia di Como || 27/09/2003
Un sabato sera comasco offerto a chi ama il rock progressivo, grazie al ritorno dei milanesi Filoritmia, in concerto stasera alle 22 al Circolo di via D'Adda 11 a Mariano Comense (ingresso libero, info 031-74.54.84). Dopo un anno e mezzo tornano i cinque professionisti meneghini del “prog” indipendente, per deliziare gli astanti con le elaborate e mai banali melodie e strutture sonore dei loro interessantissimi brani originali. Il gruppo, un quintetto, centellina le esibizioni comasche, ma quando le attua, gli applausi scrosciano. Dal ‘97, anno del primo show dal vivo, questi musicisti e amici hanno consolidato la reputazione con un album, omonimo, che ha fatto assimilare dagli appassionati composizioni divenute in breve dei piccoli grandi classici come «Al Buio», «Rapporto occasionale», la minisuite «Il Mago» e «Per essere felici», della quale i Filoritmia ne hanno ottenuto una versione in lingua portoghese, inedita su cd: «Para ser feliz».
 
Review
di MJBrady || Prognosis Progressive Rock & Fusion || 02/12/2002
This newer band from Italy, immediatly reminds me Deus Ex Machina, in that they play a heavy, fragmented and fusiony type of progressive rock music. There are vocals, medium ranged and in Italian. And in typical Italian fashion, the band goes through the vocal sections and breaks into longer instrumental sections. This really is a nice album, at times the band shows a solid retro prog side and then will add something refreshingly new, such as a funky, slap bass line to hard rocking section. As the cd unfolds, I can hear a lot of other classical Italian progressive influences such as Banco, and PFM, it seems as if Filoritmia studied their progressive heritage well, as they certainly are playing in the tradition of the great 70's prog bands from there. This is a highy recommended album for those who like vintage Italian prog, there is no amaturistic copycat cloning going on here, only a band that has captured the vibe of the Italian prog movement of the 70's, and put their own twist on it.
 
Filoritmia
Same
Dopo sette anni di concerti dal vivo nei quali ai brani originali alternavano le cover di Banco del Mutuo Soccorso, Premiata Forneria Marconi e Goblin, la band milanese dei Filoritmia ha finalmente deciso di trasferire su cd il frutto di questi lunghi anni di lavoro e passione autoproducendosi il primo cd. Il risultato di un meticoloso lavoro di scrittura, rifinitura, selezione e registrazione ha portato quindi alla realizzazione di questo cd intitolato semplicemente Filoritmia che già dalla confezione, molto curata e professionale, si presenta molto bene (sulla cover spicca il grazioso logo del gruppo e all'interno del libretto sono compresi tutti i testi). Le tracce contenute nel cd sono 10, tutte di durata piuttosto cospicua (la metà superano i 7 minuti), e la formazione del gruppo è quella classica con Matteo Scarparo al basso, Antonio Mazzucchelli alla batteria, Roberto Riccardi alla chitarra, Angelo D'Ariano alle tastiere, Giorgio Mele alla voce. Ma veniamo ai brani. Innanzitutto colpisce immediatamente l'ottima qualità della registrazione, cosa da non dare troppo per scontata dato che spesso latita anche in lavori editi da prestigiose etichette del settore. Il primo bellissimo brano del cd, "Al buio", lascia immediatamente intuire di che pasta sia fatto il gruppo. Le influenze avvertibili rispondono ai grandi nomi degli anni '70, con il Banco del Mutuo Soccorso in testa, ma il tutto non appare pedissequamente derivativo risultando al contrario sinceramente ispirato e fresco oltre che dotato di una buona dose di personalità. I brani sono tutti piuttosto complessi, ricchi di cambi di tempo ed atmosfera (che non suonano mai forzati) ma, seguendo la preziosa lezione di Banco & co., riescono a farsi apprezzare già dal primo ascolto grazie a linee melodiche piuttosto piacevoli e ad intermezzi strumentali posti nel giusto mezzo tra esibizione tecnica e ricerca melodica. Nulla da eccepire sulle abilità tecniche dei musicisti: ottima la sezione ritmica anche se a mettersi in luce sono spesso chitarrista e tastierista, il primo capace di snocciolare ottimi assoli e grintose ritmiche rock, il secondo abile nell'alternare tappeti di tastiere a seducenti ricami al pianoforte ma anche di esibirsi in ottime parti soliste (Nocenzi docet!). Un plauso infine all'ottimo cantante Giorgio Mele, la cui versatile voce si fa ora calda e suadente, quando volteggia su dolci accompagnamenti di pianoforte e chitarra pulita, ora potente e grintosa quando la componente rock prende il sopravvento. Doverosa una citazione per i testi, davvero piuttosto interessanti e, ulteriore nota di merito, scritti in italiano. Per concludere non posso che annoverare questo cd tra le migliori produzioni che il progressive nostrano ha partorito negli ultimi anni (a maggior ragione trattandosi del disco d'esordio). Se poi non vi fidate delle mie parole fate un salto su http://www.filoritmia.it e ascoltate con le vostre orecchie dato che il gruppo, con mossa quanto mai apprezzabile, dà la possibilità di ascoltare tutto il disco (avete capito bene, tutto) in maniera da non avere brutte sorprese dopo averlo acquistato. Non vi sembra il caso di premiarli?
 
Un prog di lusso firmato Filoritmia
Live/Officine
Un prog di lusso firmato Filoritmia Le Officine aprono al “prog”. I milanesi Filoritmia in concerto stasera, alle 22, nel locale di via Piadeni 22. Una preziosa occasione di farsi notare per i bravi “artigiani musicali” meneghini, a due anni dalla loro prima illustre visita nel comasco. Artisticamente maturi e totalmente sicuri delle proprie capacità, i Filoritmia presentano il loro repertorio, annoverato nel loro primo cd omonimo, accompagnandovi eleganti interpretazioni di classici della Premiata Forneria Marconi e del Banco Del Mutuo Soccorso. Portavoce da sempre della formazione è Angelo D’Ariano, tastierista abile nell’ottenere alchimie di suoni, in sincronia con il chitarrista Roberto Riccardi. Le evoluzioni dei due sono ben supportate dalla variegata sezione ritmica di Matteo Scarparo (basso) e Antonio Mazzucchelli (batteria). Il gruppo sviluppa compositivamente un discorso molto personale, che si snoda su canoni rock progressivi di scuola italiana, vagamente “jazzati”, talvolta costruttivamente dissonanti, non senza suggestive e veloci “aperture” sinfoniche. Il sound non è apparentemente raffrontabile a nessun “mostro sacro” storico; più attentamente emergono blande somiglianze con elementi di PFM, Banco e Area. Il cantato di Giorgio Mele riassume (con le dovute proporzioni) tratti di molti famosi vocalist del pop italiano. Il suono dei Filoritmia, come già suggerisce il nome, è pulito, piacevole, chiaro e preciso, prodotto da un ensemble di perfezionisti che non lasciano al caso il benchè minimo dettaglio: dalla cura degli arrangiamenti alla manutenzione del loro aggiornato e davvero ben fatto sito web www. Filoritmia. it. Un “prog”, quindi, assai moderno e musicalmente inteso nel significato più cristallizzato del termine: non tanto come “qualcosa di nuovo, in continua evoluzione”, dove però spesso v’è il rischio di produrre paccottiglia pseudo-avanguardista con estrema pochezza di idee, bensì un genere, un modo di far musica, nella fattispecie il “rock sinfonico” di Genesis e Banco Del Mutuo Soccorso, tramite belle canzoni, suadenti e raffinate, ma senza alcuna pretesa di novità o innovazione forzata. Bei brani, finemente arrangiati e dai testi curiosi, annoverano di diritto i Filoritmia tra le realtà attuali più interessanti del progressivo italiano. Per informazioni tel. 031-30.55.55.
 
Gran bell'esordio: ma che fine hanno fatto?
L'esterofilia (soprattutto gratuita) mi fa innervosire: mi spiace che si esaltino i nuovi Genesis di turno arrivati dall'estero quando "in casa nostra" abbiamo realtà musicali eccellenti e purtroppo sconosciute proprio per il vizio di cui sopra. Prendete ad esempio i Filoritmia: lunga esperienza, pubblicazione in rete del cd, buona attività live (complice la "cocciutaggine" del quintetto ed anche la posizione geografica, Milano dovrebbe offrire molto di più rispetto ad altri posti...), rigorosa e strenua autoproduzione, prodotto valido anche nell'aspetto grafico, insomma un'organizzazione perfetta già per questo lodevole. Nascono nel 1993, vivono la consueta gavetta ed evoluzione, arrivano nel 2000 a licenziare un lavoro tendenzialmente perfetto: parlo di perfezione perché in primis nulla é lasciato al caso, dalla registrazione alla postproduzione, in secundis perché il loro sound è davvero entusiasmante! 70 minuti di musica in cui si tenta di racchiudere un'idea sonora ampia e sfaccettata, tra progressive, jazz/fusion ed hard, con una tendenza alla sovrabbondanza (anche nelle indicazioni del booklet...) che non diviene mai un difetto ma un piacevole pregio. Sentite l'incipit di "Al buio", un festival di bravura ed intelligenza. Ciò che colpisce subito è la bella voce di Giorgio Mele, vocalist interessante, corposo, maturo, da tener d'occhio; non inferiore il resto della band, davvero precisa e professionale. Mi piace notare che la band ove possibile sfodera un'inattesa grinta "heavy", specialmente nelle calde chitarre di Roberto Riccardi: non sono lontani certi fraseggi tipici degli Iron Maiden, naturalmente inseriti in un contesto tipicamente progressivo. "Rapporto occasionale" possiede un'apertura ariosa che rimanda ai Magellan (senza essere autoindulgenti e freddi come i Gardner...), una piacevolissima linea melodica e le ritmiche di Antonio Mazzucchelli e Matteo Scarparo assolutamente perfette, in gran forma i due, tra funky ed hard/fusion. Ottima la prestazione dei bravissimi Riccardi e Angelo d'Ariano, sempre raffinata ed elegante. La band riesce a imbastire una serie di brani compatti e coesi, senza inutili belletti, ricchi di intensità ed energia; concretezza sembra essere la parola d'ordine, vedi "Il mago", che alterna il consueto vigore hard con interessanti sprazzi di romanticismo che conducono direttamente alla Locanda Delle Fate (il paragone con Leonardo Sasso non è poi così fuori luogo...). Un brano che ha subito una lenta ma costante evoluzione sino a divenire il più ambizioso e rappresentativo della band, forse tra i più personali. I brani successivi perdono un po' del mordente della triade precedente per favorire una maggior ampiezza: la formidabile "Fiato sul collo" è un brano riflessivo, il cui intimismo è sottolineato dal piano, con un epico crescendo ed un esplosivo guitar solo finale; "La mappa del tempo" è un coinvolgente funky, con parti vocali sempre belle e precise ed accelerazioni ritmiche improvvise ed efficaci. "Dirti di no" alterna toni drammatici a spinte funkeggianti e spigolose ritmiche, "Per essere felici" segna la solita professionalità di Angelo al piano, timbri più malinconici e la voce di Giorgio sempre intensa ed espressiva. I brani hanno però molta omogeneità, segno di un songwriting stabile e non indeciso. Ancora più oscuro e tenebroso il sound di "Questo inferno", vicino agli amati Goblin, particolarmente roboante e rabbioso, con intelligenti vezzi jazzistici, un gran bel pezzo. Varia anche la coppia di brani finali: "Anima" e "Epoca lontana" sembrano compensarsi, la prima col suo drumming estroverso ed il calore di hammond e chitarre, la seconda più lunatica e umbratile, con le sue dure chitarre e l'incessante piano, le scattanti variazioni. Ottima band, ottimo album, bravura a non finire. Ricordo anche la profondità e l'intelligenza dei testi, parte integrante nell'economia del lavoro. Abbozzo solo un consiglio: la prossima volta (ci sarà, vero?) una durata minore ed una puntuale concentrazione di pezzi potrebbero rivelarsi azzeccate. Attualmente i ragazzi suonano dal vivo dove possono, confido in un secondo album al più presto.
 
interview
Please introduce the band and the members. Filoritmia were founded in Milan in September, 1993, but it was only in 1997 that the band found the ideal tune, when Roberto Riccardi, guitar player, and Matteo Scarparo, bass guitar player, joined the historical group formed by Angelo D'Ariano (keyboards), Antonio Mazzucchelli (drums) and Giorgio Mele (vox).

Tell us more about the history of the band. It's in 1993 that the first song, Anima, was written. It's a ballad dedicated to the vital energy which hides in everyone, showing an unusual rhythmic pattern. From 1997, when the actual quintet formed, on other songs were written. After a three years’ time of live shows in Milan and Northern Italy, we decided to record our first CD in studio. This happened in 2000. The CD was issued in September 2000 and we spent most of 2001 in promoting it, while working on other songs.

What musical background do you have? We like Italian and English progressive rock, but each of us has got his own, personal preferences: from Deep Purple to U2, from Genesis and Marillion to Italian songwriters. Some of us used to play even punk or heavy metal when they were teenagers.

How would you describe your style? It’s hard to define our style. It could be rocky, funky, jazzy, delicate or sharp, smooth and simple or full of sudden changes. We like breaking the rhythm and those patterns that we ourselves have created. Everything is a tool to create an atmosphere or a feeling through the music.

Who are your musical influences? First of all, we’d like to point out that, though most of the people consider our music as progressive, we think it’s hard to compare us with any other progressive band, be it old or new. Even if we all love the classics of progressive rock, (we love certain songs of PFM, Banco del Mutuo Soccorso, Area, Genesis, Marillion) we don’t draw our inspiration from any particular "muse".

What are your 5 alltime favourite albums? There’re so many nice works throughout the last 30 years! At the moment we just can tell you the first five that come to our mind, after a short discussion among us: Made in Japan by Deep Purple, "Foxtrot" and "Selling England by the pound" by Genesis, "Storia di un minuto" by Premiata Forneria Marconi, "Works" by Emerson Lake & Palmer, "Fugazi" by Marillion, but it’s difficult to say. We also like works by Led Zeppelin, King Crimson, Police, Yes, Peter Gabriel, Banco del Mutuo Soccorso.

What are your current favourites? Well, we like Dream Theatre, Marillion, Ozric Tentacles, an Italian band called DFA… and we’re still waiting for Peter Gabriel’s new album!

Tell us more about the songwriting and the recordings of your current CD. The drums and the bass try to create the right rhythmic pattern for the harmonic section, that is to say Angelo's piano and Roberto's guitar, who generally write the melodic pattern as well. Over all this Giorgio’s voice and lyrics try to express the feeling and the emotions merging with the musical background. Of course songwriting for us is a merge of ideas and energies, sometimes we plan that, sometimes it’s the result of a single inspiration we develop according to the general tune.

What are your lyrics dealing with? Lyrics generally deals with a particular experience of every-day life which becomes the metaphor of an inner condition of mind or heart. We talk about life, the feeling of it, the fear of it, the disgust of some of its aspects. We cry our rage or we whisper the most delicate of sensations. Dreams and nightmares are often the psychological approach to life we use to express our ideas. Lyrics are all in Italian, which we think is the best way of doing all this.

Where and how do you distribute the CD? First of all, we’d like to underline that our CD is completely self-produced. That means from recording to mixing and mastering we face all aspects at our own expenses. But we even realized the graphics for CD case and the printing. Distribution? It couldn’t be other way! We self promoted in different CD and music shops and stores in Italy. We gave them some copies of the CD for sales on percentage.

Do you have more finished songs? Do you already have plans for the next CD? At the moment we’re working on some new songs. It always take time to give our ideas the final shape, so it’s still early to plan another CD, but, of course, that’s our goal!

Do you regularly play live? Tell us more about your gigs. We used to play live regularly in the late 90’s. Now, according to our activity in studio, we’re getting some contacts with pubs, disco-pubs and night bars. In 2001 we played live in Milan. We played less often than we used to in 1997-98 and 99, because we’ve been very busy in promoting the CD and arranging our website promo pages.

What has been your biggest musical achievement/success so far? We had many wonderful experiences so far. In Tuscany we played live in a big disco-pub and the feed-back from the audience was great. When we presented our CD in a theatre in Milan last year, it was December 2000, we were delighted by the huge number of people coming to listen the concert and to have fun with us! The feed-back we have from fanzines, online magazines has always been great so far. And we take this as an important musical achievement. Shouldn’t we? By the way, you can visit the press section of our website to have a look at the comments about our CD.

How can you be reached in the internet? Everyone interested in our band can visit our website, www.filoritmia.it. It’s quite well-done and complete. Here you can find what we’re absolute proud of and what witnesses better then anything else our philosophy in terms of musical distribution, promotion and relationships with the audience: the chance to download the entire CD ROM completely free-of-charge in mp3 files! Of course, everybody can also purchase it directly on-line. That is easy and absolutely safe! So far we’ve been contacted by people (mostly prog-rock funs, radio and fanzines) from all over the world. And it’s great to see these guys from U.S.A., Brazil, Ucraina, Germany, Sweden, Mexico etc… asking about your music and to image your CD on in different countries. Especially if you consider that our CD is entirely ours’, self-produced and self-promoted.

Is there anything else you want to mention? We just want to invite all your readers to visit our website and to let us have their opinions about what they listened to.

What are your plans for the near future? Well, we’ll go on working on the new songs and playing, playing, playing… whenever possible and everywhere people want to listen to us!

 
Filoritmia - s/t - (autoprod.)
Meraviglia nello scoprire che oggi c'è ancora, in Italia, chi si dedica al più puro prog-rock. Non una contaminazione con il progressive, ma vero progressive per amanti e cultori del genere, quello insomma suonato benissimo, con brani lunghi e mille cambi ritmici, grandi tastiere (ma anche tutti gli altri strumenti sono sul virtuoso) e una vocalità che ricorda moderni cantastorie (impressione questa avallata dai contenuti dei testi). Personalmente trovo tutto ciò anacronistico e pesante, difficile ascoltarlo fino alla fine, ma sono sicuro che chi è avvezzo ed ancora oggi ascolta interi album del vecchio Banco del Mutuo Soccorso, PFM e E.L. & P. potrebbe anche gioire per tutto questo.
 
Review
di Marcelo Silveyra || Progfreaks || 18/08/2001
A short look at the track times of Filoritmia’s debut should more than suffice as hint that the record is indeed a progressive rock album. True, there are no insanely extended tracks like the ones found on, say, Yes’ Relayer, but Filoritmia still lengthens its songs to durations that most pop and rock acts would shy away from in fear of losing any possible radio play, which normally acts as an unavoidable factor of seduction for progfreaks. What’s more, the album is considerably diverse while being held together by a very solid coherence, a fact that would make this record sell like pancakes if only Filoritmia got a bit more publicity and sacrificed its own sound, which would not be a good thing. And when I say that it would not be a good thing, it is because Filoritmia’s sound is deeply anchored in solid instrumental complementation, a relatively accessible approach, passionate melodic vocals, and, above all, songs. One shouldn’t expect the incessant theme changes and rapid-fire passages that are normally expected of progressive rock bands, but rather songs that resound with a unique identity and center on a specific mood with a focus that is unshakable. The instrumentation present throughout the album is thus reminiscent of more traditional rock structures, which are nevertheless adorned with some excellent progressive arrangements and extended to fit the emotional development of each single track. Even then, however, the more traditional approach is somewhat of a façade, as elements of jazz, blues, funk, metal, and classical music keep appearing throughout the record’s course. The album’s highlights would probably be the deliciously funky “La Mappa del Tempo,” the dramatic “Rapporto Occasionale,” and the dynamic “Al Buio,” which suddenly explodes with a Thin Lizzy-like melody before eventually moving into Giorgio Mele’s melodramatic vocals. The entire record, however, is a good bet for those who are attracted to “commercial” progressive rock and the delicately passionate emotions that the Italian language conveys so appropriately. Filoritmia even managed to remind me of Mexican rock greats Fobia and Caifanes in an indirect manner, and, if anything, that’s a very good sign; one indicative of a unique style. One has to appreciate what the band did with this album, turning it into a contagious, accessible, and yet challenging experience. Here’s to the Italians!
 
Recensione
di LoZio Mari diP || RockBS || 27/07/2001
Ogni brano dei Filoritmia è un’opera completa …… lunghi preludi musicali preparano all’ascolto di testi che entrano in punta di piedi per poi rendersi protagonisti della scena integrandosi perfettamente nell’atmosfera anticipata dall’intreccio di sonorità che pongono l’accento, alternando prepotenza e dolcezza, su sensazioni e ambientazioni.. Ci si ritrova nel bel mezzo di una scena in cui è la musica a dar forma ai personaggi i quali parlano un linguaggio indiretto parafrasato solo dagli stati d’animo che ci si ritrova a vivere chiudendo gli occhi ed ascoltando …… solo a questo punto giunge il messaggio contenuto nei testi, solo dopo essersi disposti all’ascolto e aver lasciato che l’intero brano scorrendo sveli il suo contenuto. Davvero particolare la voce di Giorgio la cui versatilità trova sfogo nel brano “ Il Mago “ dove lo si sente esordire con un’impostazione quasi lirica per poi cedere il passo ad un timbro sempre più rock, il tutto perfettamente armonizzato nei vari momenti musicali che si rincorrono si alternano, s’intrecciano, rendendolo un brano dai mille aspetti dove anche una lunga pausa, di circa due secondi, è pregna di musicalità almeno quanto lo sono le note dei caldi tasti del pianoforte. Ed è proprio il piano a creare le profonde atmosfere dalle quali emerge, calda e modulata, la voce del cantante dei Filoritmia per poi riprendere tutta la sua potenza supportata dall’emozionante esecuzione alla chitarra che in un incalzante crescendo termina il brano. Il basso, strumento poco esaltato nel resto del disco, segna l’incedere di “ La Mappa del Tempo “ brano che si snoda tra intricanti sonorità funky e swing dal ritmo davvero accattivante dove la voce, ancora una volta, pare essere il quinto strumento della scena! Incisiva, in tutto il disco, risulta la batteria, suonata da vero “ mostro delle pelli ”, capace di caratterizzare magistralmente tutto l’impianto ritmico dei vari brani talmente diversi tra loro per genere che si resta meravigliati sentendo una chitarra che sappia variare tipologie di sonorità e di stile da un brano all’altro dando un tocco particolare a ciascuna traccia. Cosa non da poco, infine, il modo in cui è dosato in ogni brano l’intervento delle tastiere che sanno eseguire discreti sfondi e fuoriuscire prepotentemente al momento giusto. Un album quello dei Filoritmia in cui le tendenze rock e progressive alla “ Banco di mutuo soccorso “, altro non sono che uno degli aspetti che rilevano…in realtà è un gruppo capace di rinnovare il proprio genere in ogni brano, anzi… a volte riescono a far convivere generi grandemente differenti all’interno dello stesso brano, realizzando combinazioni davvero originali! Da parte nostra non possiamo che essere contenti del fatto che i Filoritmia si ritengano ancora un gruppo emergente, avendo così aderito al nostro sito. Eppure tutto di loro lascia pensare a veri professionisti…. Questo è un giudizio che abbiamo maturato a partire dai dettagli e che non abbiamo potuto che confermare con l’ascolto. Curatissima la grafica… ottima la produzione…rifinito ogni dettaglio musicale! Un gruppo che abbiamo l’onore di ospitare sul nostro RockBS, cui auguriamo il “ passo grosso ” e decisivo sperando che rimangano fedeli alla linea attuale.
 
Recensione
di Tekka || Fraywebzine || 15/07/2001
Ho sempre nutrito una certa riluttanza verso tutto il filone di musica che passa sotto la denominazione di progressivo, considerandolo un po' noioso e fine a se stesso. Qualche anno fa mi sono cominciato a ricredere grazie ad una grandiosa e seminale band italica: i Goblin; con questo lavoro potrei dire che il mio scetticismo è stato quasi del tutto soffocato, sempre a patto però che non si tratti di musica troppo autocelebrativa. Non è il caso dei Filoritmia: non sono pretenziosi, ma anzi risultano anche leggeri rispetto al genere prog che operano, sarà grazie ai brani che riescono a tenere incollato e sempre alto il livello di attenzione, sarà per la qualità dei brani, o forse per la qualità dei suoni( veramente belli complimenti), oppure per la eccellente produzione?? Come potete aver capito si tratta di un buon lavoro sotto ogni aspetto: è il sunto della quasi decennale esperienza della band milanese, che dopo le solite vicissitudini di ogni gruppo, cambi line up, scazzi ecc ecc, sono finalmente arrivati al compimento di questa opera, fotografia della loro storia musicale artistica. Frutto della migliore scuola progressiva dettata da Premiata Forneria Marconi, Goblin, Banco del Mutuo Soccorso, che come loro firmano produzioni di lunga durata, dai 7 ai 10 minuti, ma sinceramente non stancanti. A mio avviso non ci sono brani che si elevano rispetto ad altri: un lungo atto dove troviamo diversi cambi di scena. Dieci tracce, dieci storie di odierna realtà, narrate dalla bella voce di Giorgio e dalla intelligente grammatica dei testi. Tecnicamente tutti molto preparati e precisi. Semplice e curato nei particolari il concept di grafica, bello e completo di testi il libretto apribile a sciarpa interno.
 
Recensione
di Enrico Parisi || MusicHeart || 29/05/2001
Non sempre è semplice giudicare; in sé è fastidioso soprattutto perché chi spara giudizi a quattro venti è di solito il meno indicato a farlo. Ma in questo caso non credo sarà difficile esprimere un'opinione facilmente condivisibile con buona pace degli esperti o meno. Questi Filoritmia ci sanno fare; caro sano vecchio prog italiano che abbiamo forse già sentito e che, per qualche straordinario motivo, non riesce a stancarci. Un prog tuttavia aggiornato, fatto da gente che non suona tra soffitte ricoperte di ragnatele rimpiangendo i Genesis, per capirci. Tanto sinfonismo certo, ma con garbo; i cari cambi di tempo e tappeti sonori che si estendono senza ridondanze riportano alla memoria tanti pezzi e tanti gruppi che è inutile ora citare (perché tanto tutti gli artisti non riconoscerebbero mai i rapporti di filiazione con i grandi esempi del passato). L'album talvolta sembra soffrire di una certa monotonia che imputerei ad un cantato interessante, ma non sempre brillante, per non parlare poi dei testi che risultano essere un po' barocchi nella struttura ed alla lunga pesanti. Tuttavia non posso non citare almeno due tracce che hanno riscontrato l' approvazione non solo mia, ma di altre persone che hanno ascoltato e giudicato con me i pezzi. "Al buio" e "Il mago"; della prima mi è piaciuta molto l'intro e l'andamento mai scontato. Della seconda posso dire solo che in IMHO sembra essere il pezzo più riuscito; sarà che ne ho apprezzato la struttura complessa, ma armoniosa, sarà che il lead vocalist mi è assai piaciuto, sarà quel che sarà, ma l'album varrebbe l'acquisto solo per questa canzone. Considerando poi che anche tutto il resto è di ottima fattura, che dite? Ce lo vogliamo procurare? Ok ok un voto! E un voto sia! Diciamo un meritato 7?
 
Review
|| Progressive Rock Reviews || 04/04/2001
New Italian progressive, and quite good. They have the typical line-up of drummer, bassist, guitarist, keyboardist and vocalist. Though some guitar solos reminding me of Marillion can be found some places, Filoritmia are not possible to classify as neo-prog. There are enough tempo changes to make anyone happy. The synthesizer sounds are not too far away from imitating string mellotron sometimes, and that is of course a good thing. The record lasts for more than seventy minutes. It is clear that the musical and instrumental diversity isn't big enough to hold my interest through all the record. (However, I don't like critisising a record for lasting too long, so I'll not). After having heard bands using flute, saxophone, violin, cello, organ etc. lately, it's actually a bit of a downer for me listening to a band with a more standard rock instrumentation. But the keyboard makes up for part of it. The vocals are not bad, and in Italian. The lyrics sound quite good, but you probably don't care anyway. The record contains ten tracks, each lasting for five to ten minutes. As I almost noted above, they all sound quite alike - and they all have some exciting ideas, and some that are not particularly exciting. If the length of the record were halved and the good parts were kept, it would have been a great record, I think. As it is, it's acceptable, decent and good-ish. The close to very good track "Il Mago" shows them at their best. If you want, you can download it at the band's home page www.filoritmia.it to hear for yourself that this is a record you might want to have. I hereby recommend it.
 
Filoritmia
Filoritmia
di Faustico || Rockit || 13/03/2001
Non nascondo che il lavoro dei milanesi Filoritmia risulti un tantino ostico: i 10 brani contenuti al suo interno sono eccessivamente lunghi, tanto che il più corto sfiora appena i 5 minuti, e le idee che lo sostengono a volte sono fin troppe per poter farle entrare tutte! Intendo cioè dire che il quartetto sfrutta le immense capacità tecniche che indubbiamente possiede per realizzare un disco - che suona sì bene ma è decisamente eterogeneo per le atmosfere che lo caratterizzano. Sicché il sottoscritto (ma penso qualsiasi ascoltatore con un minimo di senso critico) non può non osservare che se i nostri sono bravi a (ri)fare Frank Zappa, almeno attitudinalmente, dall’altra quasi mai riescono ad avvicinarsi alla sua idea di musica. Non significa quindi che il suono sia insipido o che la band manchi di una personale cifra stilistica: qui, per capirci, si tratta di voler/dover operare una sintesi che avrebbe giovato in primis all’ascolto, in modo da non riempire per forza il cd fino al limite dei minuti a disposizione. Non nascondo però che qualitativamente e tecnicamente la band sa il fatto suo, contando sia sull’esperienza che su certi ascolti che rimandano al progressive e a tutta la scena relativa a quella stagione vissuta nella nostra Penisola. Ma a tutt’oggi l’attitudine sperimentale penso sia una facoltà che appartiene solo ed esclusivamente a Thom Yorke e soci. Se i Filoritmia sapranno seguire l’esempio… buon per loro, altrimenti ‘massimo rispetto’ per la strada che hanno deciso di intraprendere.
 
Filoritmia
Autoprod. 2000 ITA
di Marco Lastri || Arlequins || 07/03/2001
Dopo aver recensito in uno dei numeri scorsi il demo di questo promettente gruppo sono riuscito ad avere il cd d’esordio appena uscito di fabbrica. E qui, signori, è grande prog. La suite “Il mago” che già mi aveva deliziato a suo tempo, è in questo disco ben altri nove brani, uno più accattivante dell’altro, per un totale di 74 minuti! Il rock è quanto di più progressivo ci si possa aspettare da una band che dal vivo esegue cover di PFM, Banco e Goblin! I suoni sono spostati verso gli anni ‘70 ma la musica è attuale, già fin dai titoli (“Rapporto occasionale” ne è un esempio). La produzione, nonostante sia autonoma, è molto professionale, sia per l’artwork molto accattivante che per la registrazione davvero professionale. Il gruppo ha inoltre un sito internet (www.filoritmia.it) dove si può acquistare il merchandising e scaricare gratuitamente tutto il disco in MP3. Sono davvero dei grandi, non vi sembra?
 
Recensione
|| Harmonie Magazine || 24/02/2001
Udite, udite bravi lettori! Era da tanto che il Papa Versmisse non vi poteva omaggiare della sua dialettica preferita; eccolo il mio primo album del millennio, il mio"nuovo gruppo taliano" dell'inverno! Filoritmia - il cui nome si decifra grattando le note della copertina- fa parte di queste formazioni dello stivale, dal fascino ruvido ricoperto di uno strato di sensualità grezza. La voce di Giorgio Mele non potrebbe essere più italiana di così, è aggressiva e melodica allo stesso tempo. Essa infiamma l'anima latina che dorme in ogni fan di musica prog. A proposito di prog, vogliamo parlarne? Quello che ruggisce nei Filoritmia è ancora immaturo, ma pieno di entusiasmo, è allo stato brado ed è lancinante. Una tastiera come quelle di una volta (intendo una propensione a scuotere la bestia prenendola in modo selvaggio), un po' come Jon Lord nei Purple in tempi remoti. I Filoritmia suonano con entusiasmo e spaccano tutto, ma evitano il mostro heavy; c'è appena appena un'andatura hard come nei buon vecchi tempi, del tipo "ci emancipiamo come nel 1972", a naso...... Il risultato è ruvido, furioso, agitato e nostalgico dell'età della pietra; quest'insieme ricorda dei bei momenti a coloro che hanno più di quarant'anni. Perché non ha niente a che vedere con le raffiche metal tanto ricercate di questi tempi, ma assomiglia ad una pazzia giovanile che ricorda Galaad! Fino alla voce, questo Mele è il Theurillat italiano.......L'organo Hammond fa la differenza dall'inizio alla fine e il solo di chitarra di Roberto Riccardi assume uno stile che ci riporta anni indietro. Ah, questi italiani, da loro la nostalgia non è una parola vana; hanno, in più, questo pizzico di follia latina che fa girare la testa ai più stabili.....Filoritmia resuscita, il tempo di un album, gli anni di fuoco, e riscalda i timpani.....Da non disdegnare, anzi.....
 
Filoritmia
Same
|| Progressive Rock & Progressive Metal || 01/01/2001
Filoritmia were founded in Milan in September, 1993. It was only in 1997 that the band found the ideal tune, when Roberto Riccardi, guitar player, and Matteo Scarparo, bass guitar player, joined the historical group formed by Angelo D'Ariano (keyboards), Antonio Mazzucchelli (drums) and Giorgio Mele (vox). The Milanese band alternated live performances and retreats dedicated to composition: those were moments when each member gave his contribution into a fusion of energies. Filoritmia is an amazingly produced Progressive Rock band from the Italy, formely by five guys who added many influences and styles like Progressive Rock, Hard Rock and Jazz, to compare Filoritmia with some Progressive bands you need listen old Italian bands like "Il Rovescio Della Medaglia", "The Trip", "Odissea", Osanna", Goblin, PFM and of course Banco Dell Mutuo Soccorso adding new and modern arrangements, it´s very simply, a new and essential Progressive Rock band with classic Italian Progressive Rock influences. Filoritmia "Same" is the first full-length debut CD and self-produced album, the CD has ten tracks with 70 minutes of nice Progressive Music, my special and particular attention to the songs "Il Mago", "Fiato Sul Collo", "Dirt Di No","Questo Inferno" and "Epoca Lontana".The band member are: Angelo D'Ariano - Keyboards, Roberto Riccardi - Guitars, Matteo Scarparo - Bass, Antonio Mazzuccheli - Drums, and Giorgio Mele - Vocals. The band has planned to be back on stage within the early 2001 with an intense live calendar. Excellent and indispensable work, high recommendable...
 
Filoritmia
|| Pogopop || 28/12/2000
"FiloRitmia": frutto di sette anni di lavoro e di studio questo e'il primo album dei Filoritmia, interamente autoprodotto. I cinque componenti hanno dato vita al gruppo nel 1993 e, dopo aver accumulato una corposa esperienza live (suonando materiale proprio e dei Banco del Mutuo Soccorso, Goblin e Premiata Forneria Marconi) si sono riuniti in studio, raccogliendo tutte l'energia e la concentrazione possibile, per dare alla luce l' album. Il disco, in modo estremamente curato e pensato con una precisione certosina, raccoglie, nelle sue dieci tracce, tutte le emozioni e la creativita' della band milanese. Basta osservare la confezione del cd e la disposizione dei testi per capire quanto amore e quanta passione siano stati convogliati in questo lavoro. Se il genere in cui potremmo collocare "Filoritmia" e' quello approssimativamente del rock psichedelico e progressive, in realta' le influenze e le contaminazioni sono numerose. Dipende non solo dal pezzo ma anche dallo strumento che si segue ascoltando il disco. Si riscontrano, nel generale impasto rock '70, numerose venature barocche, che sono sicura piaceranno molto a chi ascolta alcuni tipi di metal, come il power (in particolare "Questo Inferno" ed il "Il Mago", la terza traccia,"Dirti di No" ed in generale per gli arpeggi della chitarra come in "La Mappa del Tempo" ad esempio), ma anche note blues (il basso in modo particolare), jazz ("Fiato sul Collo" e le tastiere), funky/fusion ("Rapporto Occasionale", "La Mappa del Tempo") ed infine reggae (Dirti di No). La stessa voce fluttua tra intonazioni rock conosciute fino a quelle da menestrello alla Branduardi ("Al Buio", "Il Mago", "Per essere felici"). Un introduzione di tastiera classica, molto romantica quasi alla Chopin, apre uno dei brani piu' complessi dell'album: "Questo Inferno". Un incrocio tra il sound di Simonetti (per il tono cupo), gli Iron Miden (nelle scale veloci della chitarra), la fusion ed il rock, tanto rock. Indubbiamente un lavoro eccellente ed evoluto. Sicuramente per orecchie educate a suoni compositi e non immediati. Sono sicura che non solo piacera' a chi e' affezionato al rock '70 ed alla progressive, ma anche a chi ama le sfumature classicheggianti del new metal.
 
Filoritmia - Il mago
Demo 2000 ITA
di Marco Lastri || Arlequins || 10/12/2000
Mi giunge da Milano questo demo cd che mi ha colpito per l’ottima registrazione (in presa diretta) e per la grinta sfoderata dal gruppo. Nel cd si trova una sola traccia, la minisuite di 10 minuti “Il mago”, ma basta per darci un’idea della dirompenza di questo ensemble. Vi garantisco che ogni singola nota di questo brano mi ha fatto volare in alto come poche altre canzoni in questo ultimo periodo. Lo stile che permea i Filoritmia risente decisamente (ma con una buona punta di originalità) della scena prog italica degli anni ’70, non per niente dal vivo il gruppo esegue cover della PFM, del Banco... e dei Goblin! Io non vedo l’ora di mettere le mani sul loro primo full-length album, che dovrebbe essere pronto a fine giugno! Da visitare assolutamente il loro sito Internet: www.filoritmia.it, dove troverete anche gli indirizzi per contattare il gruppo.
 
FILORITMIA Il Mago
Cdrom autoprodotto 1999
di Interferenze || Interferenze || 19/02/2000
La proposta dei milanesi Filoritmia è piuttosto ambiziosa, come si deduce già dal modo di presentarsi: un CDrom in cui campeggia, oltre alla parte prettamente musicale, una sezione "per soli computer" corredata di sito internet, notizie varie sulla storia del gruppo, foto dei suoi componenti in sala prove, date dei concerti, etc.
Il tutto molto curato e ricco di particolari.